Questo blog non raccoglie dati e non ha accesso a quelli dei commentatori - E' libero dalla pubblicità e da qualunque forma di guadagno. I cookie presenti sono quelli che usa Blogger per la funzionalità del blog vocedivento, dati a cui il titolare del blog vocedivento non ha accesso -

giovedì 13 settembre 2018

Sudditanza & Libertà



Mi sento libera riconoscendo la giustezza della legge a cui ottempero.

Divento suddita quando la legge m'impone di obbedire a leggi che la ragione e il diritto non riconoscono.












15 commenti:

  1. Negli ultimi tempi sempre più diritti vengono negati.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Solo adesso, visti gli eventi, credo che questo sia davvero il governo del cambiamento. Non nel senso da me sperato, però.
      Un saluto, Cavaliere.

      Elimina
  2. Parole sacrosante le tue comme quelle di CAvaliere qui sopra.
    Oggi siamo ufficialmente liberi e ufficiosamente schiavi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo occorra tenere alta l'attenzione e pensare al prossimo voto. Da anni governano persone nuove che si alternano (acquistando privilegi e vitalizi) senza portare migliorie al sistema messo in atto da chi li ha preceduti. Si scende in basso... e questa, oggi, è la mia Patria. Spero nei giovani.
      Ciao.

      Elimina
  3. Pare finito il tempo delle conquiste sociali
    sarebbe arrivato ormai il tempo della manutenzione,
    della modifica e adeguamento
    ma stanno facendo prima loro a levarcele.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai nominato la parola oggi sotto accusa: manutenzione. Scuole, strade, marciapiedi, ponti, verde pubblico sono altamente sofferenti.
      Ciao.

      Elimina
  4. Affermazione potente e profonda, intrisa di una verità inoppugnabile e che deve darci forza per lottare e non per rassegnarci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono ancora pronta alla rassegnazione e credo non lo sarò mai. E lo credo anche di te.
      Ciao.

      Elimina
  5. la libertà non ha leggi. adotta delle regole in perfetta consapevolezza della loro relatività, arbitrarietà e soggettività. si avvicina a quel che dici. ma c'è, per me, una piccola ma sostanziale differenza: cambia la relazione. e con ciò anche il riconoscimento e la pluralità

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non scomodo la filosofia e neppure la religione ma asserisco che libertà piena non esiste e le regole necessarie lo sono per un bene comune e anche nostro personale. Sono sudditanze quelle non riconosciute dal diritto costituzionale e a questo non trovo scampo.
      Ciao.

      Elimina
    2. aggiungo solo che, finché le "regole" saranno necessarie, non si giungerà ad alcun bene comune. ciao

      Elimina
    3. Il bene comune lo si raggiunge solo rispettando (tutti) giuste regole. Non siamo robot, per fortuna.
      Buona giornata.

      Elimina
    4. sì, siamo d'accordo e confermi in sostanza quel che ho scritto: riconoscimento e reciprocità, senza necessità (neppure quindi di "giustizia")

      Elimina
  6. Cara Sari due parole e tanti pensieri utili...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero questo è tempo di pensieri ed è difficile districarsene.
      Ciao.

      Elimina

- Grazie per avermi fatto compagnia a vocedivento
- Gli utenti anonimi saranno cancellati.
- E' vietato lo Spam in qualsiasi forma