Questo blog non raccoglie dati e non ha accesso a quelli dei commentatori - E' libero dalla pubblicità e da qualunque forma di guadagno. I cookie presenti sono quelli che usa Blogger per la funzionalità del blog vocedivento, dati a cui il titolare del blog vocedivento non ha accesso -

domenica 16 settembre 2018

Gioco: Tautogramma in B

Un tautogramma è un componimento dove tutte le parole hanno la stessa iniziale.
L'argomento è libero così come la lunghezza del componimento.
Chi vuole provare il... 


... tautogramma in B ?






Un esempio, e un aiuto, lo trovate  QUI
Ne avevo compilato uno QUI

Buon lavoro!







giovedì 13 settembre 2018

Sudditanza & Libertà



Mi sento libera riconoscendo la giustezza della legge a cui ottempero.

Divento suddita quando la legge m'impone di obbedire a leggi che la ragione e il diritto non riconoscono.












martedì 11 settembre 2018

Chi aiuta chi

L'antropologo Jason Hickel (immagine prelevata da https://www.gold.ac.uk/anthropology/staff/hickel-jason/)
ha scritto un libro necessario sul divario fra ricchi e poveri del pianeta. Leggendo uno stralcio del suo  The divide, appare chiaro il sistema con cui  i paesi poveri, nonostante gli aiuti,  continuino ad arricchire i già ricchi.  E l'ormai famoso "aiutiamoli a casa loro" diventa chiaro.
I coraggiosi leggano l'intervista  a Jason Hickel (QUI) che  mette su carta quel che in parte si sapeva ma che i numeri rivelano senza scampo.

Leggendo il pensiero di Jason Hickel, viene naturale fare il parallelo  ricchi e poveri nostrano. I conti tornano e i poveri, da sempre, sono una grande risorsa.




venerdì 31 agosto 2018

I Veri Colori

Cindy Lauper 
True colors

Tu con gli occhi tristi non essere scoraggiato 
oh io capisco è difficile prendere coraggio 
in un mondo pieno di persone
puoi perdere la visione del tutto
e l'oscurità dentro di te
può farti sentire così piccolo

ma io vedo i tuoi veri colori brillare
io vedo i tuoi veri colori
e questo perché ti amo
quindi non aver paura di mostrarli
i tuoi veri colori, i veri colori
sono bellissimi come un arcobaleno

mostrami un sorriso allora
 non essere infelice 
non puoi ricordare quando
ti ho visto ridere l'ultima volta
se questo mondo ti rende pazzo
e hai perso tutto ciò che puoi sopportare
chiamami perché tu sai che sarò lì 

e io vedrò i tuoi veri colori brillare 
io vedo i tuoi veri colori
e questo perché ti amo
quindi non aver paura di mostrarli
i tuoi veri colori, i veri colori
sono bellissimi come un arcobaleno

non puoi ricordare quando 
ti ho visto ridere l'ultima volta
se questo mondo ti rende pazzo
e hai perso tutto ciò che puoi sopportare
chiamami perché tu sai che sarò lì 

e io vedrò i tuoi veri colori brillare 
io vedo i tuoi veri colori
e questo perché ti amo
quindi non aver paura di mostrarli
i tuoi veri colori, i veri colori

io vedo i tuoi veri colori
e questo perché ti amo
quindi non aver paura di mostrarli
i tuoi veri colori, i veri colori
sono bellissimi come un arcobaleno



domenica 26 agosto 2018

Rebus

 










Rebus - aforisma C. M. Cipolla   (2 - 7 - 7 - 1 - 2 - 4 - 2 - 7 - 3 - 10 - 3 - 6)

articolo femminile
smarrito
istituito dai Carabinieri  il 15 ottobre 1962
T
"su" all'inglese
nome dell'antropologa Magli
prima parola de "Il 5 maggio"
le consonanti di "alto"
lettore musicale della Apple
più che super
tutte così le mamme del mondo
imenotteri da miele
U
segnali stradali triangolari
S
noti animali da Campidoglio
dodici in un anno (meno M)
si ??? come d'autunno sugli alberi le foglie, dice Ungaretti

-----------
S.E.&O.
-----------

Differenze

Passa un'enorme differenza fra una persona forte e una prepotente

 L'è tót un etar quel 
diremmo a Bologna

A l'è tuta natra roba 
dicono i piemontesi

l'è tuta 'n'altra roba 
si sente dire in Emilia

E' tutta n'ata cosa!
esclamano a Napoli
(mettendo pure il punto esclamativo)

Sì, è tutt'altra cosa

E a casa vostra come si dice? 




venerdì 24 agosto 2018

Iris & Libellule



Quante cose dice  (sa dire) la scrittrice Vitamina nel suo bel blog "Iris & Libellule".
Scrive di Genova, di geografie, di filosofia e di passato che insegna il  futuro.

Leggetela QUI 




domenica 19 agosto 2018

Ponti


"Una strada non è solo una questione per politici e ingegneri. Una strada è una visione del mondo"
https://www.internazionale.it/opinione/ascanio-celestini/2018/08/15/domande-ponte-morandi-genova



"La sensazione è che il conflitto politico, inseguendo gli umori delle curve, stia oltrepassando il limite"
https://www.linkiesta.it/it/article/2018/08/17/sul-ponte-morandi-e-morta-litalia-solidale-e-hanno-vinto-propaganda-e-/39141/



"Il concessionario è come se fosse diventato il proprietario delle autostrade, non l'inquilino che deve gestirle"
https://www.huffingtonpost.it/2018/08/19/sulla-sicurezza-stradale-lo-stato-non-ce-piu_a_23504876/?utm_hp_ref=it-homepage



Genova da non dimenticare.
E non dimenticherò la boria, le assenze, le giustificazioni, l'irresponsabilità.
E neppure il lavoro dei soccorritori, il coraggio di chi ha speso parole e offerto  solidarietà.

Un ponte unisce, scavalca ostacoli e permette incontri... finchè non incontra l'incuria e l'incoscienza che lo fanno crollare.



martedì 14 agosto 2018

S'io fossi

Fossi una Chiesa, una qualsiasi Chiesa, chiederei conto dell'uso dei principali simboli che mi caratterizzano a chi ne fa un uso personale o distorto.
O almeno me ne dissocerei pubblicamente.
Invece tutto tace.

Perplessità.
Sgomento.
Pensieri.

Questi sono i miei compagni.

(Niente immagine in questo post)




lunedì 13 agosto 2018

Effetto ferragosto

Chiuso per ferie (Carina vero? L'ho trovata QUI )

Città svuotata dal ferragosto.
Nel centro commerciale a serrande abbassate, un'unica attività è ancora aperta: è una macelleria e subito mi accodo a una signora che ormai sta pagando la sua spesa.  Mica facile trovare negozi aperti in questa settimana ferragostana.... solo la grossa distribuzione non chiude mai ma io non la preferisco.
Un anziano signore, giunto un paio di secondi dopo me, si mette al mio  fianco. 
Chiedo al macellaio quel che mi occorre e mentre  lui taglia  il "signore" inizia a interrogarlo fino a fargli dire di non essere sposato.
- Meglio così - commenta il "tizio"
Le due signore tacciono.
- Eh a una certa età bisogna pur sposarsi perchè si ha bisogno - commenta seriamente il macellario, forse quarantacinquenne.
Le due signore ancora tacciono.
- Quando il medico mi dirà che ho un'ora di vita allora mi sposerò, dice  "Tizio" a cui, neppure per un minimo di educazione posso attribuire quel "signore" che gli avevo accordato all'inizio. Lo penso ma non gli dico che può stare tranquillo perchè, cafone e ultra ottantenne com'è, il matrimonio è alquanto improbabile.
La signora che stava sistemando la sua spesa nel carrellino, già pronta ad andarsene, sente di dover dire: -  Se ci si rispetta, il matrimonio è un fatto bellissimo.
Tizio ride: - Sono certo che per lei sia stato bellissimo.
Ultra cafone.
La conversazione procede su toni che mi irritano sempre più ma non vale la pena discutere con persone come lui e taccio.
La signora, arresa,  se ne va.
Chiedo il conto e  "cafon de cafoni" dice che ora tocca a lui. Ottima deduzione ma ovvia, al banco non è rimasto che lui.
- Ah non siete insieme? - chiede il macellaio.
All'unisono rispondiamo:
- No.
- Per carità.
Facile attribuire le risposte...  la mia è la seconda, neppure pensata, uscita a fiotto.
Mentre sistemo la spesa nel bagagliaio, penso che quei due sono apparentati da un'idea malsana, vecchia come il mondo vecchio a cui appartengono.  Sono il passato a cui sono ancorati... ormai statue di sale.
Mi spiace per il quarantacinquenne ma spero non prenda  mai moglie... la mia non è ritorsione  ma  profonda pena per quella probabile lei.