Questo blog non raccoglie dati e non ha accesso a quelli dei commentatori - E' libero dalla pubblicità e da qualunque forma di guadagno. I cookie presenti sono quelli che usa Blogger per la funzionalità del blog vocedivento, dati a cui il titolare del blog vocedivento non ha accesso -

mercoledì 4 luglio 2018

Raccolgo...

... l'accorato appello di padre Alex Zanotelli ai giornalisti e, aggiungo, a tutti noi affinchè si conosca la realtà di quel mondo che tanto viene raccontato malamente. o passato sotto silenzio.

https://www.articolo21.org/2018/07/appello-di-padre-alex-zanotelli-ai-giornalisti-italiani/




E' inaccettabile, scrive l'ideatore di tanti movimenti che tendono a creare uguaglianza fra le genti.
E di quell'inaccettabile ne scrive parecchi... io li ho letti stupendo per come certi fatti non producano un chiasso tremento.

Facciamolo noi il chiasso.

Una breve biografia  di padre Zanotelli



14 commenti:

  1. Se c'è da manifestare io scendo senz'altro in piazza. Ho letto tra l'altro il reportage nell'Espresso di questa settimana sul Sud Sudan di cui sapevo poco o niente e mi ha aperto gli occhi.

    RispondiElimina
    Risposte

    1. In piazza scenderei anch'io ma ritengo poco probabile che venga promossa una tale manifestazione. Da tanti anni i missionari che tornano raccontano cose tanto orrende che si fatica a credere che esseri umani possano essere tanto crudeli verso i propri simili. Uno raccontò che la popolazine di un intero villaggio fu ammassato, senza preavviso e senza spiegazioni, su camion e portato lontano dalle loro terre.. Quelle facevano gola ad aziende estrattrici per via di un minerale prezioso e si erano arrogate il diritto di spostare persone come fossero oggetti. Questo siamo, noi di razza bianca: predatori.
      Ciao.

      Elimina
  2. Ho letto quanto scritto nel link da padre Zanotteli. E' inaccettabile. Della situazione dell'Africa non se ne parla o se ne parla vagamente quando si tocca il tema dei migranti. Tutto viene insabbiato perchè fa comodo ma , invece, bisogna affrontare i problemi di questi paesi, dal Sudan, alla Libia, all'Eritrea, ecc.. i migranti provengono da lì, è l'ineguaglianza che provoca la ricerca di una vita migliore e le tante morti in mare. Un saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero inaccettabile quanto succede da troppo tempo e i partiti xenofobi dovrebbero essere sempre smentiti e zittiti quando urlano dati e spandono venti di odio. Lo straniero non piace a nessuno, ogni diversità ci confonde ma è soprattutto verso le persone di pelle nera che ci si scaglia perchè sono le più indifese.
      Occorre tenere conto di tutto quel che padre Zanotelli ci ha detto e dirà, ogni volta che leggeremo o sentiremo parlare di invasioni da parte di chi avrebbe tutto il diritto di chiederci conto.
      Ciao Mirtillo.

      Elimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Io su molti di quegli "inaccettabile" ne ho scritto in passato sul mio blog soprattutto in relazione al Sud Sudan al Darfur. Purtroppo questi silenzi sono scandalosi ancora di più perché durano da anni e nessuno alza la voce se non pochi di noi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il silenzio è una forma di pigrizia ed è contagiosa. Fa comodo credere ad una soluzione violenta ma certi metodi si ritorceranno contro noi che li abbiamo messi in campo.
      So del tuo maturo e costante impegno e per questo ti ammiro.
      Ciao.

      Elimina
  5. non è silenzio distratto ma connivente omissione. ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Detto in una riga... sì. E' colpevole omissione.
      Ciao.

      Elimina
  6. Purtroppo la maggior parte della gente pensa di avere un'opinione sull'immigrazione ma in realtà non ne sa nulla... farsi delle domande e cercare delle risposte è troppo faticoso.

    Un saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I tagli alla scuola, le materie che fan crescere i buoni cittadini sono state abolite... per questo, e per quell'obnubilamento che la troppa tv spazzatura produce, crediamo di essere capaci di pensare e non lo siamo. Pochi laureati, abbandono dei corsi scolastici, analfabeti di ritorno, ignoranza uniti alla poca lettura fanno di noi un paese... un paese come quello che vediamo.
      Un saluto a te.

      Elimina
  7. Le parole di civiltà non le ascolta nessuno,
    sono sempre sovrastate dalle urla dell'ignoranza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ignorante addita sempre gli altri ed è cieco verso se stesso.
      Mi chiedo quanti di noi adulti sappiano cos'è, nel fatti, il vivere da persone civili.
      Ciao.

      Elimina
  8. Grazie per i tuoi commenti e un caro saluto.

    RispondiElimina

- Grazie per avermi fatto compagnia a vocedivento
- Gli utenti anonimi saranno cancellati.
- E' vietato lo Spam in qualsiasi forma