venerdì 15 maggio 2015

Incontri



Riordinando, m'è capitato fra le mani  un post-it piegato a metà: sopra, con elegante calligrafia, un nome e un numero di telefono fisso. Il nome è straniero e il numero è quello di un comune romagnolo.
Zivkica.  Con un segnetto  sulla Z.
Sorrido ad un ricordo ormai sbiadito e se mi spiace non rammentare  la sua bella faccia,  ho bene in mente il suo essere persona speciale, positiva, forte e piena di sentimenti alti.

L'avevo incontrata  anni fa, in treno, e ci eravamo  messe subito  a chiacchierare con grande facilità, come ci fossimo conosciute altrove  e in quel momento ritrovate.
Nell'ora di viaggio trascorsa insieme, ci raccontammo:  io tratti della mia vita di casa, figli, lavoro.. lei ben altro:  la terribile guerra jugoslava,  la perdita drammatica del marito, della casa, dei parenti.
Quel giorno avevo un diavolo per capello come poche volte nella vita mi è capitato, perchè avevo appena subito un'ingiustizia di quelle  dove non ci puoi fare niente e non ero capace di dirmi che in fondo la faccenda non era grave e che potevo dimenticare...  ma  non ce la facevo, non ancora,  o forse  non sarebbe passata mai.
Ma guardando gli occhi fermi e limpidi di Zivkica, ascoltando la sua voce pacata  dire che bisogna guardare avanti,  che il rancore appesantisce e stronca il sogno di un buon futuro per sè e i figli,  mi sono commossa e calmata, piena di ammirazione davanti a  tanta forza d'animo.
In me, in quel breve lasso di tempo, ogni  punta aguzza s'era spuntata...  ogni fatto irritante  sparito, annullato da quella donna che raccontava fatti tremendi con toni pacati e la forza e la voglia di guardare oltre.

Un'ora passa in fretta e mentre il treno cigolava rallentando, ci siamo abbracciate e scambiate i numeri telefonici perchè avevamo stretto una grande amicizia e ci pareva - sì,  posso parlare anche a nome suo ne sono certa - che fosse importante non perderci per quel tanto altro che avevamo ancora  da  raccontarci.

Invece no, non l'ho chiamata e  lei non mi ha chiamata...  ma mi piace pensare che, come me,   abbia  conservato il mio post-it  a ricordo di un bell'incontro su un treno estivo che portava me a casa, lei nel suo nuovo futuro  di pace.

Ripongo il post-it  nel cassetto... mi regalerà ancora  sorrisi e un profumo di cose buone.

.

12 commenti:

  1. a volte un incontro anche di un'ora soltanto ci dona molti più pensieri, molte più emozioni e sensazioni di tanti rapporti quotidiani, che magari trasciniamo senza senso e ci lasciano davvero una traccia dentro.
    un abbraccio Emanuela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' come dici, Emanuela, e da come ne parli posso pensare che ne hai fatto esperienza.
      Ciao cara

      Elimina
  2. Queste cose sanno di buono
    ritrovare vecchie cose scordate
    e ripensare al vissuto di allora.
    Mi alzo la mattina e vedo il ritratto di nonna Gemma
    non so se sarà una buona giornata
    ma intanto comincia bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nonna Gemma, ricordo il tuo raccontare di lei... sì, è un bell'inizio di giornata il suo ricordo.
      Ciao.

      Elimina
  3. grazie per questo ricordo che apre una speranza alla comprensione umana.
    Ti ho lasciato un commento di risposta sul blog crea pane e lavoro
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci fa paura la diversità ma spesso non abbiamo alcun motivo di temere.
      Grazie per la risposta che mi trova essenzialmente d'accordo.
      Ciao

      Elimina
  4. Quanti ricordi ti ha regalato quel post-it e quanta positività ti ha dato e ti darà ricordare quell'incontro nonostante la drammaticità dei suoi racconti.
    Guarda un po' come un post-it in un cassetto può farci vedere le cose in modo diverso e magari raddrizzare la giornata.
    Ciao SAri e buona settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono piccoli pezzetti di carta (come le foto) che ci trasportano altrove, quasi sempre in un luogo buono.. se li abbiamo conservati vuol dire che ne valeva la pena.
      Buona giornata a te, ciao.

      Elimina
  5. Fanne tesoro, ho sempre pensato che questi incontri combinati dalla vita, siano un modo per ricavare risposte.
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutti han da darmi lezioni, in positivo o in negativo e tutti gli incontri mi sono ugualmente utili e cerco (cerco!) di farne tesoro, Grazie, un abbraccio a te.
      Ciao

      Elimina
  6. Finalmente di ritorno dopo una forzata assenza per impegni di lavoro.
    Si fanno questi incontri che sembra aprano un mondo, che si possa parlare di amicizia da subito, con la promessa di portarla avanti. Ma è solo un sentimento, bellissimo, ma fugace. La mia vita è costellata di questo tipo di incontri che poi non ho coltivato, né io né l'altro. L'amicizia richiede stimoli forti e tanto tempo per crearla e mantenerla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bentornata!
      Credo anch'io non sia possibile coltivare tutti gli interessi che sorgono durante la vita... ma qualche persona occupa un posto nel cuore e lì resta, a far da materasso alle crudezze o disillusioni della vita.
      Ciao, a ben ritrovarci

      Elimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.
Gli utenti anonimi saranno cancellati.