giovedì 14 maggio 2015

Taglio di capelli

Fa caldo, i miei capelli si sono allungati parecchio e  le vetrine dei negozi che incontro lungo il percorso cittadino  dicono che sì, urge l'intervento del parrucchiere.  Però mi secca  spendere  tanto denaro per tagliare quei cinque centimetri di chioma che mi avanzano ed allora decido all'istante di provare il taglio dei cinesi che qui stanno aprendo tantissime attività anche in questo settore. (Riusciranno a far abbassare la cresta ai miei compatrioti dalle forbici d'oro? I cinesi l'hanno già fatto con  l'abbigliamento e spero proprio che sarà così)

Mentre penso a tutto questo,  passo davanti a un negozietto, senza insegna,  dove una bella e giovane  figliola sta pulendo un locale adibito poveramente alla cura dei capelli...  e allora... sì...  entro.
La ragazza non è cinese ma bengalese, veste all'occidentale e ha due mani di farfalla.  Mi massaggia il cuoio capelluto in modo sapiente, rilassante, usa  cortesie d'altri tempi e ogni tanto mi chiede come va, con l'ansia di un imputato che si rivolge alla giuria sperando nell'assoluzione. Dico sì, che va bene e non so  se questi modi le appartengano o siano in vista del futuro dell'attività ma che m'importa saperlo? Intanto mi gusto la sua delicatezza, guardo la sua non usuale bellezza ambrata che mi ricorda tessuti bellissimi, gioielli poveri ma affascinanti,  spezie colorate (per il momento scarto la povertà, le inondazioni, il lavoro) e...  mi rilasso.
Spenderò dodici (12!) euro in tutto e quindi potrò tornare più spesso.

In un angolo, un giovane smanetta per tutto il tempo con lo smart, senza alzare mai lo sguardo...







 Foto da: http://www.animatedweb.it/imagestore/images/asia/bangladesh

14 commenti:

  1. I tempi cambiano,
    da giovano si smanettava con ben altro.
    Anche io vado da una parrucchiera
    molto, ma molto d rado
    e solo perchè è sotto casa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ai miei tempi, non c'era modo di smanettare.. guai stare con le mani in mano per più di un quarto d'ora.
      Beh, per quanto riguarda i capelli, ti sarai dotato di elastici per riaccoglierli, mica è comodo governare una barca con i capelli al vento a dar fastidio alla vela. ;)
      Ciao.

      Elimina
  2. Quindi ne sei uscita soddisfatta?!?!
    Hai detto bene riguardo ai parrucchieri nazionali, prezzi incredibili che incidono sul bilancio famigliare se mai dovessimo frequentarli mensilmente e che ci costringono a più doppie punte e ad antipatiche ricrescite.
    Ciao Sari

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, la ragazza è stata bravina, niente di eccezionale ma il taglio è dignitoso. E poi mi sono trovata bene e questo conta, per me.
      Ciao Carla :)

      Elimina
  3. Io andrò dal parrucchiere una volta ogn due anni, ma adesso sono talmente contenta di avere i capelli corti che, gioco forza, ci dovrò tornare più spesso. Per fortuna ho trovato in paese una ragazza brava e che non ha le forbici d'oro!!!
    Un abbraccio
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho portato i capelli lunghi per tutta la vita, spuntandoli da sola ma ora non è più il caso, ora che sono argentea. :)
      Ciao Francesca

      Elimina
  4. Ciao Sari,
    portiamo entrambi una chioma decisamente corta e ahimè proprio per questo da attenzionare maggiormente.
    Vivendo in un piccolo paesino non ho mai provato un taglio realizzato da mani cinesi, però non nascondo che mi piacerebbe anche perchè come tu stessa dici, se conviene ed è fatto bene perchè non recarsi più spesso? :D Come ti sei trovata?

    Un caro saluto.
    Marianna Calabrò

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta Marianna :)
      Il taglio di capelli della ragazza bengalese non è stilisticamente eccezionale ma normale, decoroso. Tornerò da lei al prossimo taglio. Già, hai ragione, occorre avere tanta cura dei capelli corti , soprattutto, ma tu ne sei ancora lontana, se ci sono tanti fili bianchi a dichiarare (perfidamente) l'età.
      Ciao.

      Elimina
  5. io vado dalla parrucchiera mediamente due volte all'anno, per il taglio...ho la fortuna (...e la genetica dalla mia parte!) di avere ancora i capelli del mio colore e questo è un grande vantaggio. Devo dire che la mia mitica Antonella è una grandissima esperta di piante, per cui andare da lei significa anche chiederle un sacco di consigli!
    E poi devo dirla tutta? Se voglio tagliare i capelli e non ho voglia di " perdere" un pomeriggio me li taglio da sola, davanti e dietro....mi affido a mio figlio!!! Pensa un po' che tagli di moda, sulla mia testa!
    un abbraccio Emanuela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che bello farsi tagliare i capelli del figlio... sono certa che la linea della testa è salva e il borsellino contento. Come dicevo a Marianna, ho i capelli grigi ma non li tingo,,, mi piaccio anche così ma il massaggio della parrucchiera invece mi piace molto.
      Ciao!

      Elimina
  6. non vado più dal parrucchiere :)
    s'esprimeva bene in italiano? buon giorno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, si esprimeva abbastanza bene e quando non capiva perfettamente una parola me la ridiceva usando un sinonimo. Mi è piaciuto chiacchierare con lei.
      Niente parrucchiere per te ma... il barbiere sì? ;)
      Buon pomeriggio

      Elimina
  7. Di necessità virtù! Ma io sono ancora fedele alla mia parrucchiera,
    forbici d'oro, che vedo ogni 3/4 mesi.
    E tutte le volte mi dico, " adesso cambio ", ma poi quando non si
    è portati per i cambiamenti è difficile farlo.
    La fregatura sono i capelli corti, che al primo taglio energico, sto
    da schifo perchè sono troppo corti, arrivare al secondo taglio
    è un supplizio perchè dopo 3 mesi mi ritrovo un pagliaio in testa.
    Ciao Sari, esploratrice senza paura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come sei severa...
      E se osassi, Loretta? Cosa ti costa,,, i capelli crescono molto in fretta e una testa nuova potrebbe regalarti pensieri nuovi o divertenti.
      Un abbraccione, ciao

      Elimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.
Gli utenti anonimi saranno cancellati.