lunedì 19 novembre 2012

Catastrofi innaturali


"Non garantisco per il post-elezione" vale, secondo me,  il  più noto "dopo di me il diluvio".
Spero che i fatti smentiranno clamorosamente questa affermazione.
Ci credessi, incrocerei  le dita e toccherei ferro.



.

14 commenti:

  1. Non so se l'abbia fatto scientemente
    o come dice qualche giornale gli è scappato
    per come ho imparato a conoscelo direi di si
    e è ormai chiaro che sta tirando la volata a Monezemolo e a Casini.
    Abbiamo passato vent'anni di tribolazioni con un ricco al governo
    direi che basta, non possiamo più farci governare da questa gente
    ma come si fa a non capirlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno Massimo, penso anch'io che la frase di cui si parla sia scappata dalla gola accorta del presidente.
      Ragionando con malizia si potrebbe pensare che il diluvio arriverà perchè lo stanno progettando. Volendo pensare meglio, invece, si potrebbe trattare di un momento di grande autostima.
      Se i passati governi ci hanno portato in queste condizioni, a mio avviso, non è solo colpa del partito eletto ma anche di tutti gli altri che nulla hanno fatto per impedire o denunciare. Ci si è limitati, da più, parti all'ormai famoso "a casa".
      Buona giornata.

      Elimina
  2. A volte, o forse , troppe volte, specie ultimamente, anche i tecnici si mettono l'abito politico.
    Pur capendo le sue affermazioni, che poi si fanno sempre all'estero,
    sarebbe stato meglio che fosse stato zitto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno Nilodan, anche tu hai notato che i nostri politici fanno le esternazioni peggiori all'estero? Mica sono stupidi... una ragione ci sarà ma in questo momento mi sfugge.
      Ah se davvero avessimo un governo di tecnici...
      Ciao Nilo, felice giorno.

      Elimina
  3. Leggo con sollievo che, sia pur dopo un anno, la grande maggioranza degli italiani ha perso fiducia in quell'algido distruttore di benessere e convivenza civile.
    Purtroppo il quadro politico post-elettorale si presenta ben poco promettente, ma comunque sarà già molto togliersi di mezzo 'sta orrenda gentaglia aristocraticamente arrogante, e riempire una buona fetta del parlamento di giovani a cinque stelle, puliti e appassionati di politica vera.

    Salutone di buona settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno Franz, sottoscrivo tutto quel che pensi e come te spero in un partito pulito, appassionato, che ci faccia amare di nuovo una parola importante, caduta troppo in basso: politica.
      Ciao, buona giornata di sole.
      (Che belle giornate di tepore ci regala la nostra città. Ieri sono stata tutta la mattina al museo di palazzo Pepoli... che bella gente siamo: grazie cari antenati)

      Elimina
  4. Risposte

    1. Buongiorno Antonypoe, non ti smentisci mai... conciso e incisivo. Ottimista, anche... e d'altra parte se non sperano le persone giovani chi dovrebbe farlo?
      Ciao!

      Elimina
    2. da un pezzo che non son più giovane! :))
      ma ottimista sempre :) ciao

      Elimina
  5. Bravo ANT,:) meno male che ci sei tu ottimista! Io spero tanto che tu abbia ragione, d'altra parte quando si tocca il fondo, c'è sempre la spinta che ci farà risalire!Sursum corda!(che non vuol dire prendiamo la corda per impiccarci ahahahahahahahah!!!!)Lili.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno Lili, oltre il fondo c'è ancora da scavare, canta Silvestri... ma noi invece ci puntelleremo con i piedi al fondo e risaliremo. Se non fosse così vorrebbe dire che avremmo snaturato la nostra natura italiana.
      Baci.

      Elimina
  6. Io sono molto confusa ma voglio sperare. La speranza in me non è mai morta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno Cangalina, sono confusa come te ma anch'io spero... spero nel carattere degli italiani ma non nella vergogna di chi ci ha portato in queste condizioni.
      Baci

      Elimina
  7. Ciao a tutti: sono più confusa di voi tutti!e come voi ,la speranza è l'ultima a morire..e in me non morirà mai!Almeno spero!!
    Certo che di confusione questo mondo politico ne ha fatta veramente tanta e di esempio civile non troppo signorile e consone al ruolo stesso che i politici ricoprono c'è ne è stato a iosa..e di che vergognarsi!! Veramente tanto!!
    Speriamo nel carattere dei cittadini..e dei giovani!

    RispondiElimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.
Gli utenti anonimi saranno cancellati.