mercoledì 19 ottobre 2011

Ancora pensieri

Dell'intervento di Catilina, riportato più sotto, mi colpisce soprattutto il grido finale: "Perché dunque non vi svegliate?" 
Già.
Perchè non lo facciamo e non comprendiamo che quella condizione potrebbe rappresentare la nostra speranza per il futuro?
La risposta potrebbe darcela (la si cerca sempre nei libri, una possibile risposta) Antony De Mello che nel suo libro Messaggio di un'aquila che si crede un pollo dice:
"Svegliatevi! Siete cresciuti. Siete troppo grandi per continuare a dormire. Svegliatevi! Smettetela di baloccarvi."
E continua...
"Svegliarsi è sgradevole, sapete. A letto si sta belli comodi. È irritante essere svegliati."

Ecco, Catilina, noi non ci svegliamo perchè temiamo la fatica.  Meglio dunque continuare a dormire in una cella, che per quanto scomoda ci consente un eterno sonno, che svegliarsi.

Che tristezza.



.

4 commenti:

  1. Pigrizia, ignavia, disinteresse... che tristezza!

    RispondiElimina
  2. Coraggio, Adriana, noi non siamo disinteressate al bene comune e come noi tante altre... sììì...
    Ciao e buona giornata.

    RispondiElimina
  3. Finalmente sono riuscita a rientrare nel tuo blog, non so cosa era successo. Ho letto tutti questi ultimi post e mi sento così vicina ai tuoi pensieri.
    Però oggi rileggevo un piccolo brano che mia figlia mi scrisse su una tavoletta di legno "quando un albero cade fa rumore ma una foresta cresce in silenzio"..... credo che questa foresta stia cominciando a crescere...senza rumore e piano, ma cresce....
    Ti rubo il brano di Catilina....mette un po' tristezza pensare che non è cambiato praticamente nulla.....

    RispondiElimina
  4. Mah, anch'io sono all'oscuro di cosa succeda nei blog che ogni tanto non funzionano. Per fortuna ora tutto pare a posto.
    Il pensiero che la tua figliola ti ha regalato è ottimo e dovrò tenerlo sempre presente, soprattutto perchè lo sento vero.

    L'uomo non è cambiato, nei secoli, e non cambierà, ma riconoscere il negativo serve a far sì che i comportamenti cattivi siano condannati e non subiti come normalità.
    Grazie Nonnatuttua, la tua vicinanza mi fa piacere.

    RispondiElimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.