lunedì 6 novembre 2017

Dieci anni senza Enzo Biagi

foto dal web


Dieci anni fa Enzo Biagi ci lasciava e questa sera  Rai3  gli dedica uno speciale “Enzo Biagi Testimone del tempo” curato da  Loris Mazzetti.

Chi era Biagi giornalista penso lo si sappia  ma occorre ricordare che era una persona libera, rigorosa e rispettosa.  Mica cose da poco... ma occorre riguardare le sue interviste  per misurarne la distanza, per qualità d'informazione, da quelle odierne. Pur senza fare di ogni erba un fascio, certamente,  perchè le eccezioni ci sono. 




Nel video riportato sopra,  si possono sentire  le motivazioni dell'allontanamento di Biagi dalla Rai   e, al minuto 0,58,  udire la replica all'allora presidente del consiglio da parte  di Enzo Biagi, registrate  nella puntata del suo "Il fatto" che sempre riscosse  successo fra il pubblico dell'epoca.   


Fra i tanti che oggi  ricordano Biagi  con rimpianto, ecco Roberto Bertoni che  QUI  scrive la sua "Lettera aperta a Enzo Biagi"  dicendo:
"Dieci anni, caro Enzo, e l’amara sensazione che molto, per non dire tutto, sia cambiato e quasi nulla in meglio"


8 commenti:

  1. Enzo Biagi, un uomo onesto come pochi, integro e non corruttibile dagli interessi personali, credo che avrebbe sofferto nel vedere lo scempio che c'è oggi.
    Un abbraccio Sari!

    P.S. Ho perso il tuo blog di Natale e non ti trovavo più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne avrebbe sofferto, sì, o forse l'avrebbe interpretato come fase di maturazione di una società che ha preso una deriva poco bella. Chissà...
      Davvero aspetti il mio blog di Natale? Che gioia. Sarà in linea dal primo di dicembre qui: https://ennecomenatale.blogspot.it/
      Tante grazie.

      Elimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Sarebbe amareggiato dal vedere che caciara è diventato il mondo politico oggi e la nostra stessa società. Oggi la regola in politica è la polemica sterile ed offensiva nonché farsi lo sgambetto reciprocamente, e di contenuti quasi neanche più l'ombra. A tutto questo si è aggiunta l'oramai assodata mancanza di rispetto verso il tuo avversario politico e della vita reale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' da un po' di tempo che trovo negli alti scranni tutti i volti di persone che non inviterei a pranzo.

      Elimina
  4. ho cominciato a seguirlo che ero ancora bambino. ricordo che avevo un suo libro, andato perso nei vari traslochi.
    se vuoi correggere: replica.
    buon giorno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno a te. Grazie :) ho corretto.

      Elimina
  5. Anch'io seguivo "Il fatto" ed ho sempre stimato ed attualmente rimpianto la profonda rettitudine del giornalista nonchè uomo integerrimo.Ho due suoi libri.

    RispondiElimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.
Gli utenti anonimi saranno cancellati.