Questo blog non ha accesso ai dati dei commentatori - E' libero dalla pubblicità e da qualunque forma di guadagno - I cookie presenti sono quelli che usa Blogger per la funzionalità del blog, dati a cui il titolare di vocedivento non ha in alcun modo accesso -

giovedì 2 novembre 2017

Umanità


Mattina presto, lungo il corridoio deserto e illuminatissimo non c'è anima viva.  Lo percorro leggendo le etichette degli ambulatori posizionati a destra e guardo i gruppi di sedute che, a sinistra, aspettano. Trovo quel che cerco e siedo poggiando la borsa e le carte su  sedile accanto al mio.
Ancora nessuno. Controllo la data e l'ora dell'appuntamento.. sono entrambi giusti e mi accingo ad aspettare. Sfilo dalla borsetta le parole crociate e una penna, portate per ingannare i pensieri e quel tempo che, in certi frangenti,  non passa mai.

Bartezzaghi mi  sta facendo compagnia da poco quando sento rumore di passi. La persona che si avvicina non porta camice e scruta, proprio come avevo fatto io poco prima, le etichette poste sulle porte degli ambulatori ed io scopro che deve eseguire la mia stessa indagine. Si volta per accomodarsi e io, chissà perchè, sposto le mie carte per farla sedere vicino a me.  E' normale che gli unici esseri umani stiano vicini, no?

La signora è bella, bionda, ha grandi occhi  verde chiaro e una voce gentile. Due secondi dopo ci scambiamo informazioni e preoccupazioni e lei mi rassicura sull'esame che sto per subire e dice che l'unica sua preoccupazione è l'esito. Questo non l'avevo previsto perchè la mia indagine rientra in un gruppo di esami che si  dovranno parlare a vicenda...  mentre per lei non è così.
Mi dice di lei, di quel che ha passato e lo fa senza enfasi, come notizie di cronaca, con una serenità e positività che  sottolinea ad ogni passo e stupisce.
La mia ansia svanisce di colpo, spostata su lei, sul suo esame con relativo buon esito e sento quasi con certezza che tutto andrà bene e sarà così per entrambe.
Non vorrei perderla questa che sento come nuova amicizia e quando mi chiamano dall'ambulatorio 1 le dico sorridendo: "a dopo". A dopo, risponde lei ricambiando il sorriso.
All'uscita la signora non c'è più, ingoiata da una di quelle asettiche porte chiuse. Peccato.

Peccato, sì, ma non la scorderò e il suo sguardo positivo mi accompagnerà a lungo, spero per sempre.


12 commenti:

  1. Bell'incontro, umanità allo stato puro. Spero che per entrambe l'esito sia buono e che sia tutto a posto.

    RispondiElimina
  2. Quest'attimo di luce che ti passa vicino, ti illumina e ti lascia dentro un calore che rimane vivo! Come sono belli certi incontri ... ma è solo apendo la porta del cuore - o lasciando libero il posto vicino - che possono avvenire...
    Andrà tutto bene Sari... e anche per quella signora!
    Ti abbraccio e ti ringrzaio di passare da me, è sempre bello leggere le tue parole!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi è preziosa la tua compagnia e quando ho voglia di qualcosa di "buono" apro i tuoi blog e... rubo. Non torno mai a mani vuote e te ne ringrazio.
      Sto pensando al sito di TT dove ci siamo conosciute (penso fosse il 2001) e oltre te sono ancora in contatto con Freetofly che ha dato corpo ai suoi sogni, si è licenziata dal posto di lavoro e da tempo sta creando oggetti d'arredo e bigiotteria con la carta. Se hai tempo, vai a vederla: http://www.sognoametista.it/
      Ciao Fausta. :)

      Elimina
  3. potevi aspettarla. avevi fretta?
    naturalmente tutto andrà bene se lo spirito è forte.
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi aspettavano da altra parte ma no, non avevo pensato di aspettarla e adesso me ne spiace.
      Sì, lo spirito è forte e andrà bene per tutte e due.
      Ciao.

      Elimina
  4. abbiamo bisogno di questi attimi preziosi che hai descritto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero preziosi, solo momenti ma che lasciano una scia.

      Elimina
  5. La rincontrerai e vi sorriderete.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedi? Ora quando andrò per quei corridoi lo farò cercando uno sguardo amico.

      Elimina
  6. Un bell'incontro... a volte certi incontri sembrano decisi dal Cielo.E se fosse proprio così? Non che la bella signora fosse un angelo, ma il fatto in sè dell'incontro, forse ne avevate bisogno vicendevolmente, è possibile infatti, che anche tu sia stata per lei un incontro da non dimenticare.Spero vi incontriate ancora e sorridenti entrambe per l' ottimo esito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero... si fanno incontri che paiono quasi silenziosamente invocati e questo mi fa credere nella Provvidenza. Penso che gli angeli alati non esistano ma credo nella forza che possono instillare nelle porticine aperte che ci sono in quel momento a disposizione.
      Ciao Lili.

      Elimina

- Grazie per il tuo commento che sarà sicuramente rispettoso.