lunedì 27 dicembre 2010

Parole desuete

Fra le parole in disuso, e i giornali ce ne  danno un elenco stupefacente,  ci dovrebbe essere un verbo  che invece non figura in nessuna lista. Il verbo è: arrabbiare.
Forse si conosce qualcuno che lo usa? Al suo posto ci sono tante altre forme... la più usata è volgarotta e,  per me, usata addirittura a sproposito.
Persino giornalisti noti, alla radio, la usano e credo, purtroppo, che ormai ci si vergogni (!!!!!!) a dire d'essere arrabbiati, incolleriti, imbufaliti... non sia mai che si possa pensare  di noi che siamo "diversi" o non al passo con i tempi.
Che tempi!

:)

10 commenti:

  1. ma no, Sarina, si usa eccome, almeno io lo sento spesso, e lo dico sempre ai miei bimbi: non mi fate arrabbiare!

    ciao e auguri

    Eliamino

    RispondiElimina
  2. Anche se siamo in pochi ad usare parole che sembrano arcaiche, cerchiamo di non dimenticarle....almeno noi!!!
    Un abbraccio, Sari!

    RispondiElimina
  3. Caro Emiliano, sapendoti un ottimo papà, non dubito del tuo parlare corretto.
    Ma loro, i tuoi bei figlioli, quando dici di non farti arrabbiare, si mettono in riga? ;)

    Ciao. Tanti auguri a te ed alla tua bella famiglia.

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. ...in effetti quando dico che mi arrabbio fanno una breve pausa di riflessione, si calmano, ma rimangono come in attesa, allora mi arrabbio e dipende dai casi: il più delle volte Angelica piange (ma è tutta scena). Con Lorenzo è meglio giocare, quando lo faccio sorridere obbedisce sempre, quindi se mi arrabbio con lui gli dico "Adesso ti stacco le orecchie!" e lo prendo per le orecchie, ma non gli faccio male, lui sorride e fa quel che gli chiedo. Angelica no, con lei c'è poco da fare, finisco sempre per fare il patetico: "ma come? il papà e la mamma cucinano per te, ti aiutano a disegnare ecc. ecc., e tu che fai? fai la sciocchina?". Eheheh scherzo, il più delle volte Angelica ci fa perdere la pazienza, noi la sgridiamo, lei piange, e poi facciamo pace, allora lei viene, mi accarezza, mi dice con la voce rotta "papà ti voglio bene" e mi da un bacio, allora io penso: "mi tiene in pugno la zoccoletta!"

    buona notte, o buongiorno, dipende da quando leggerai. Ciao

    eliamino

    RispondiElimina
  6. Nonnatuttua, ma guarda che distratta sono... ho lasciato un "non" di troppo... non leggerlo, per favore.
    Ma tu guarda che danni sa fare una piccola cosa di tre lettere... addirittura può stravolgere una intera frase.
    La riscrivo giusta:
    "Hai ragione Nonnatuttua, almeno noi dobbiamo tenere duro."

    :)

    RispondiElimina
  7. Eliamino, sorrido sempre quando racconti della tua famiglia. Che bella avventura sono i figli... i tuoi sono proprio fortunati.
    Buongiorno a te, ragazzo mio. Ciao!

    RispondiElimina
  8. Buongiorno Sari!
    eli.

    RispondiElimina
  9. vero, i figli sono una bella avventura, fin che sono piccoli, almeno per me. Da grandi non sai come saranno, né quali conflitti, né tanto di altro. Ti può andar bene e ti può andar male.
    I figli sono persone che, a volte, possono anche non piacerti, pur amandoli. Spero non sia successo a te Sari e non succeda al nostro amico Eli. Buon 2011- anno di sfida! Dan

    RispondiElimina
  10. Ciao Dan. (Ci conosciamo da tanto, o sbaglio?)
    Coi figli sono stata tanto fortunata e così dirà in futuro il nostro Eli.
    Non so perchè il nuovo sarà un anno di sfida ma ti auguro che sia sorprendentemente bello.
    Ciao.

    RispondiElimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.
Gli utenti anonimi saranno cancellati.