- "Io non sono pacifista. Io sono contro la guerra" - Gino Strada

martedì 22 novembre 2022

Fatti

 

In questi tempi turbolenti, dove  vige un silenzio, un'impalpabilità  che sa di impoverimento delle anime o l'attesa di qualcosa di sfavorevole, è accaduto un fatto che mi ha ricreduta sul prossimo e sui sentimenti che paiono scaduti. 

Quel signore che ho sempre pensato pachistano, che vendeva frutta bellissima,  ordinata, e che ora  scopro essere originario del Bangladesh, nonostante la giovane età è morto. Gli abitanti della zona sapevano del suo desiderio di portare in Italia la famiglia ed ora che non solo non ci sarà alcun ricongiungimento ma che  a loro mancheranno i denari per sopravvivere, ecco che si è pensato di fare una colletta, o anche una forma di sostegno nel tempo, per aiutare la vedova e i figli. 

Il fatto mi ha commossa parecchio,  mi ha rimesso il cuore a posto e credo che quell'affetto che il fruttivendolo  ha saputo guadagnare con la voce sommessa e i toni gentili, saranno un terreno morbido per il collega che verrà a sostituirlo. 

Grazie Gente. Grazie Halim.




8 commenti:

  1. Questa é veramente una bella notizia!
    Mi spiace molto per Halim e la famiglia ma pensare che c'è chi si è messo in moto per aiutarli ma sorridere il cuore.
    Buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno Pat. Penso che Halim ci abbia lasciato un ultimo regalo ed è quello che ha saputo seminare in chi lo ha conosciuto e in persone come me che l'hanno solo sfiorato.
      Ciao.

      Elimina
  2. Siamo capaci di bei gesti, nonostante tutto. Basterà a salvarci?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, se eserciteremo la resilienza.
      Ciao Franco

      Elimina
  3. Mi spiace per il giovane Halim, che ,ovviamente, non conoscevo ma è bella e importante questa rete di solidarietà che ne è scaturita per aiutare la sua famiglia. Noi italiani siamo capaci di gesti di grande generosità, quando vogliamo. Questi gesti fanno ben sperare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando scordiamo le ragioni che ci fanno patire, ci scopriamo sensibili e (quasi) buoni.
      Ciao Mirtillo :)

      Elimina
  4. Bello a volte poter pensare che non è tutto uno schifo.
    Mai disperare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono fatti che fanno calare la maschera di duri e aggressivi rivelando qualcosa di noi che neppure sapevamo.
      Ciao Alberto.

      Elimina

- Grazie per il tuo commento che sarà sicuramente rispettoso.