.......... "La nostra libertà non è assoluta: per avere senso ha bisogno degli altri" - Nadia Urbinati ..........

mercoledì 23 giugno 2021

Solo un filo

 

Il filo è...
aria desiderata, vento gentile, freno per l'aquilone, un prato al singolare...
è...
cosa sottile, sinonimo del poco, del fragile e forse inconsistente, un'idea di vita precaria, una pista  per ricordi,  emozioni, è fiato della speranza, traccia d'un racconto, sostegno delle perle,  sfida per il funambolo, vita per le marionette, salvezza per Teseo. Se è rosso segna il destino, se è metallico produce suono, se è trasparente è inganno per i pesci e fra i capelli segna l'età...

Pare cosa da poco un filo ma...
quello a piombo crea muri diritti, se si organizza in trama e ordito diventa coperta, sa farsi maglia, abito e, organizzato in fili metallici, è abbellimento e conduttore di energia.  

Insomma, un filo è cosa estremamente importante ed oggi che di fili elettrici abbiamo piene la casa e le tasche, si potrebbe dire che siamo filo-dipendenti, a qualunque cosa ci colleghino.  

Questo del filo pare un argomento leggero ma nasce dall'essermi dovuta occupare di quelli (pieni di polvere e quasi aggrovigliati) di cui io e il pc abbisognamo per collegarci col mondo.

Evviva i fili, dunque? Sono irritanti, invadenti ma... sì. :)  




21 commenti:

  1. Bella riflessione !! E' solo un filo ma è importantissimo !! Anch'io sono, spesso, alle prese con i fili del pc, aggrovigliati e da spostare tutte le volte , per poter scopare decentemente il salotto. Certo , invadenti , fastidiosi ma utilissimi !! Saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella dei fili è un problema per molti. La mia vicina, ristrutturando l'appartamento, li ha fatti incanalare tutti nel muro e ora non ha ingombri nè polvere. Beata lei.
      Ciao cara Mirtillo.

      Elimina
  2. Non mi ero mai fermata a riflettere sull’importanza dei fili e devo dire che hai proprio ragione. Basta che un filo si spezzi, e parte del nostro mondo “crolla”. Ciao, cara.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potremmo dire d'essere ormai appesi a un filo. Beh, detta così suona male ed allora meglio ridere e non pensarci.
      Ciao cara Farfalle.

      Elimina
  3. Solo un filo ma dappertutto e per fare tutto.
    Un carissimo saluto
    Giorgio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel post ho scordato il filo del ragno... lui sì che è un artista e la sua vita è per davvero appesa a un filo.
      Un carissimo saluto a te, Giorgio.

      Elimina
  4. belle e profonde considerazioni e riflessioni.
    mi piace il filo fantasioso e multicolore del destino. buon giorno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il destino è fantasioso e multicolore, come dici, ma anche crudele. Impedonabile.
      Buon giorno a te, Ant.

      Elimina
  5. Naturalmente era un "Imperdonabile" il termine a cui è sfuggita una R.
    Ciao.

    RispondiElimina
  6. Il filo che amo di più è quello rosso; il filo rosso del destino! Quella leggenda è la cosa più bella che io abbia mai sentito!! ❤️❤️

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensare a un destino può mettere in confusione ma ora che non sono più giovane lo tiro in ballo quando sono arrabbiata e non so con chi prendermela. Lui è perfetto, in queste occasioni.
      Conosco un'altra leggenda legata al filo e tratta di quello che fin dalla nascita ci tiene legati al Dio che ritieniamo nostro. Il gomitolo è lungo ma ad ogni peccato ne spezziamo il filo e quando Dio lo riannoda per tenerci al sicuro presso di sè questo s'accorcia... e quando il gomitolo termina si vedrà il viso di Dio e solo allora saremo felici.
      Ciao Sara, buona domenica.

      Elimina
  7. Ciao Sari...come va? Ti faccio i complimenti per il blog e ti auguro una splendida domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vivì delle favole. Qui fa tanto caldo e la stanzetta del pc è spesso bollente... spero tu abbia modo di restare al fresco.
      T'auguro una splendida estate.
      Ciao.

      Elimina
    2. Ciao Sari, una bellissima e intelligente riflessione.
      Ciao fulvio

      Elimina
    3. Grazie Fulvio, buona serata.

      Elimina

  8. Ciao Sari, grazie per essere passata. Non sapevo che sei bolognese, bellissima città.

    RispondiElimina
  9. Mi vengono in mente i miei post che animano l'inanimato, donano coscienza all'oggettistica invadente ma silente, creano feeling dove all'apparenza ci si ignora..e invece no.. ameno che non ci si circondi di vita wireless, i fili ci annodano a tutto il nostro mondo, e con il gomitolo che citi, continuiamo a giocare, a volte spensierati, altre un po' meno..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il sistema wireless è una connessione che lega e preoccupa ben oltre l'impiccio del filo materiale e in un giorno (forse non lontano) ci piacerà sostare (liberi) in zone "wireless free".
      Anche a me piace "animare l'inanimato"... e chi dice che lo sia? ;)
      Ciao.

      Elimina
  10. E poi il filo è l'ingrediente fondamentalmente fondamentale per intricare matasse.
    Cosa non da poco, direi

    RispondiElimina

- Grazie per il tuo commento che sarà sicuramente rispettoso.