Questo blog non ha accesso ai dati dei commentatori - E' libero dalla pubblicità e da qualunque forma di guadagno - I cookie presenti sono quelli che usa Blogger per la funzionalità del blog, dati a cui il titolare di vocedivento non ha in alcun modo accesso -

martedì 7 agosto 2018

Morire di lavoro

Erano sedici
lavoratori giovani e forti
e di pacchia sono morti 






22 commenti:

  1. Ho paura, non sono tempi buoni, mi appello asgli insegnanti delle scuole, sono l'unica speranza (temo vana).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tempi duri, sì, e occorre prestare attenzione a quel che si fa, a quel che si pensa o che si crede di sapere.
      Credo nei giovani, nel loro bisogno di futuro e nella capacità di credere agli ideali... quelli che noi abbiamo buttato alle ortiche.
      Ciao.

      Elimina
    2. Io non li ho buttati via, ce li ho ancora tutti lì,
      lì... insomma, adesso non mi ricordo dove ma sono sicuro che da qualche parte li ho.

      Elimina
    3. Perbacco, allora questo è il tempo giusto per spolverarli e tirarli a lucido.
      Ciao.

      Elimina
  2. Pochi versi che giungono come una pugnalata al cuore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Resto attonita e sgomenta da quel che è successo (che si sapeva da anni) ma ancora di più dai commenti o dal silenzio delle persone comuni. Niente più ci tocca?
      Non parlo di te, ovviamente, tu sei un resistente e te ne ringrazio.
      Ciao.

      Elimina
  3. pacchia? conosco il solo significato di cibo abbondante, di cibarsi gioiosamente.
    quindi devo interpretare ironicamente?
    buon giorno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La pacchia è una piacevolezza, la facilità di ottenere facilmente benefici. I migranti africani sono stati definiti dal ministro dell'interno "gente che qui ha trovato la pacchia" ed io, usando la parola, l'ho fatto in modo tristemente ironico.
      Buon giorno.

      Elimina
    2. ora mi è tutto tristemente chiaro

      Elimina
    3. dimenticavo: molto ben scritto. brava. ciao ancora

      Elimina
  4. li ho svolti tutti quei lavori (alcuni durissimi, come la raccolta delle barbabietole: da estrarre una per una col rampino): da prima dell'alba a dopo il tramonto. ma eravamo solo italiani e ci pagavano (e davano pure un bicchiere di vino fresco)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Complimenti per l'impegno passato.
      E' il trattamento disumano, sono le condizioni di lavoro, sono le spese che debbono sostenere, la mancanza di un alloggio decente a fare di loro i nuovi schiavi ed è vergognosa la propaganda che li vuole tutti malfattori e profittatori. Occorrono leggi giuste e chi le fa rispettare in modo serio... ma questo la politica lo sa bene.
      (Chissà se le barbabietole vengono ancora raccolte una ad una)
      Ciao.

      Elimina
    2. in qualche parte del globo probabilmente sì. qui no: sarebbe antieconomico (e penso che si farebbe fatica a trovare le persone capaci e disposte a farlo: la schiena e le barbabietole si spezzano, ma non escono dal terreno. le mani dopo un po', col ritmo necessario, si coprono di vesciche e sanguinano. e non ci sono guanti in grado di resistere allo sforzo e usura: occorrono i calli e stringere i denti).
      ciao

      Elimina
    3. La tua descrizione di fatica mi ha ricordato i racconti della mia vicina di casa che era stata una mondina. Erano fatiche enormi ma alleviate da forte coesione, solidarietà, e fra canti e racconti anche la schiena un poco si zittiva.
      Ciao..

      Elimina
    4. sì, è così come dici: c'era socialità e si discorreva molto. e anche spesso si scherzava. pure coi padroni, che lavoravano assieme a noi braccianti e condividevano le stesse fatiche. buon giorno

      Elimina
  5. Bianchi o nerinon importa, ERano esseri umani, sfruttati calpestati e infine uccisi così...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai fatto bene a ricordarlo: siamo tutti esseri umani e come tali dovremmo comportarci.
      Grazie.

      Elimina
  6. Anch'io sto ancora a pensarli poveri ragazzi! Hanno creduto in una nuova vita dopo un viaggio di orribili incontri e sacrifici e tormenti...Non si può sopportare tutto questo, mi vergogno di appartenere al genere umano, vorrei essere un gatto, o un cane o chissà quale altro animale...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu fossi un cane o un gatto non potresti nulla per questa situazione che oggi ci rattrista. Invece come essere umano puoi pensare, raccontare, fare e dire quel che serve a spandere un'idea di società che oggi non passa. Che fortuna! ;)
      Ciao.

      Elimina
  7. Arrivo per caso da te e questo post mi ha toccato nel profondo. Buona serata.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tua emozione dice di te. Benvenuta.
      Buon fine settinana

      Elimina

- Grazie per avermi fatto compagnia a vocedivento
- Gli utenti anonimi saranno cancellati.
- E' vietato lo Spam in qualsiasi forma