Questo blog non raccoglie dati e non ha accesso a quelli dei commentatori - E' libero dalla pubblicità e da qualunque forma di guadagno. I cookie presenti sono quelli che usa Blogger per la funzionalità del blog vocedivento, dati a cui il conduttore non ha accesso -

martedì 9 gennaio 2018

il ballo delle balle

 In questa campagna elettorale m'aspettavo fuoco e fiamme ma balle così colossali no.   
D'altra parte siamo in un  clima da  "fine secolo"  e, sicuri di se stessi, pensano sia possibile essere creduti. 

Oddio, non sarà che han ragione loro e gli italiani voteranno senza tener conto degli enormi errori commessi, delle marachelle e delle enormità che destra, sinistra, centro, di lato, su, giù  stanno promettendo sapendo di non poter mantenere? 

Tanto noi perdoniamo, scusiamo  e siamo anche inclini a dimenticare.
Che tristezza... 





21 commenti:

  1. Il rischio che la tua previsione si realizzi è abbastanza elevato secondo me, e questo è molto preoccupante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io sono preoccupata per davvero per via di quel che sento esternare da persone che ho sempre giudicato intelligenti.

      Elimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Cara amica ti scrivo, così mi distraggo un po', l'anno vecchio è finito e un altro è cominciato già...
    Ma la televisione ha detto che il nuovo anno
    Porterà una trasformazione
    E tutti quanti stiamo già aspettando...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noooo... non credere alla televisione... sono passati i bei tempi dove si poteva dire "l'ha detto la tv". (Meno male che l'ironia è ancora tua)

      Elimina
  4. Molto facile che gli italiani rivotano sempre la stessa minestra.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scoraggiante, vero? Dicono che questo accade nelle democrazie giovani e perciò immature ma forse siamo troppo divisi (geograficamente e politicamente) per poter aspirare al raggiungimento di un'idea politica che ci apparenti.
      Ciao.

      Elimina
  5. Si fa sempre passare il messaggio alquanto strumentalizzato che il voto è un diritto, ma come si può esercitare questo diritto in mezzo a tanta porcheria senza diventarne complice?
    Un abbraccio a te Sari!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io farò fatica a votare ma lo farò per non far scadere questo diritto.
      In passato ho dato voti di necessità o per favorire quel che ritenevo il meno peggio ma questa volta manca tutto.
      Interessante il tuo pensarti eventualmente complice...
      Un abbraccio a te, ciao Sciarada.

      Elimina
  6. Sono rassegnato. La mia generazione, pure in un contesto molto favorevole, non ha voluto costruire un mondo migliore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tuo messaggio s'accorda con i miei tormentati "perchè" e appena avrò riordinato i pensieri ne scriverò ancora.
      Ciao.

      Elimina
  7. Non mi rattrista, mi fa incazzare!
    Stipendio ai fannulloni
    Tassazione al 15% fissa per tutti (è anche incostituzionale)
    Eliminazione delle tasse universitarie
    Aiutiamoli a casa loro (avessero una casa...)
    Stupidaggini da mettere in testa ai pecoroni che votano
    poi fanno finta di lamentrasi che i votanti son pochi
    e hanno vinto tutti.
    Hanno ragione loro cioè, finchè non li ammazziamo tutti
    fanno bene a fere quel che fanno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vorrei che la tua rabbia di oggi si conservasse fino al 4 marzo, dopo avere votato di conseguenza. Questi personaggi stupidi, prepotenti e volgari, dovrebbero cambiare mestiere. Tutti.
      Ciao.

      Elimina
  8. niente di nuovo, mi pare. a parte una maggiore spudoratezza rispetto al passato più o meno recente. ma non scordiamoci mai che sono i rappresentanti che in sostanza meritiamo e lo specchio del paese. buon giorno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, oggi si registra una grande spudoratezza ma non credo siano i rappresentanti che abbiamo eletto perchè tutto passa sulle teste del cittadino che abbassa il capo e non reagisce. Quanto peserà il voto che andremo ad esprimere il 4/3? Poco... e per un mucchio di ragioni.
      Ciao.

      Elimina
    2. anche (ma non solo) per il motivo che dici sono i rappresentanti che meritiamo.
      peserà soltanto se una netta maggioranza propenderà per il cambiamento. poi naturalmente occorrerà un riscontro e la prova dei fatti. e non potrà essere un cambiamento radicale se non con il concorso della società civile in ogni ambito.
      buon giorno

      Elimina
    3. Hai detto poco?!?!. Già, le condizioni per il cambiamento sono toste e quasi irraggiungibili però a quelle dobbiamo guardare e camminare su quella via.
      Buongiorno a te.

      Elimina
    4. condizione indispensabile è almeno una predisposizione in quel senso. che direi molto poco diffusa. ed è quindi abbastanza improbabile per il momento il raggiungimento di certi risultati

      Elimina
    5. lieto giorno, nonostante tutto :)

      Elimina
  9. già che tristezza...amara tristezza

    RispondiElimina

- Grazie per avermi fatto compagnia a vocedivento
- Gli utenti anonimi saranno cancellati.
- E' vietato lo Spam in qualsiasi forma