Questo blog non ha accesso ai dati dei commentatori - E' libero dalla pubblicità e da qualunque forma di guadagno - I cookie presenti sono quelli che usa Blogger per la funzionalità del blog, dati a cui il titolare di vocedivento non ha in alcun modo accesso -

venerdì 29 settembre 2017

Importanza del sapere

Ieri ho incontrato un medico specialista e dal colloquio sono uscita soddisfatta perché ho trovato una persona competente, in ascolto e interessata... ma quel che mi ha rassicurata, e in qualche modo stupita, è l'avere incontrato un professionista che SA.
Il pescatore vede nel cielo azzurrissimo una nuvoletta piccina appoggiata all'orizzonte e dice che nel pomeriggio pioverà. Ai più pare impossibile ma lui sorride sicuro perché SA.
Il filosofo conosce la storia, gli uomini, e dagli accadimenti del giorno riesce quasi a prevedere quel che accadrà. Lo può perché SA.
Credo che i malanni del nostro tempo possano derivare dal fatto che troppe persone si credano capaci mentre, in realtà, non sanno e combinano guai.
Il SAPERE è reale conoscenza, consapevolezza, comprensione e capacità di raccordare utilmente tutte le informazioni necessarie a raggiungere un fine.
Evviva chi SA e abbasso chi pretende di sapere.


11 commenti:

  1. Anche io ho fatto un'esperienza simile in questi giorni, dopo due medici che mi avevano messo anche un pò paura ne ho trovato uno che mi ha spiegato di che si trattava con chiarezza, e non era banale capire. Ho provato un certo sollievo e ammirazione, mi piace chi sa fare bene il suo mestiere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le sensazioni che descriviamo sono quasi un'eccezione in questi nostri tempi. Ma ci sono, per fortuna.
      Spero tu abbia risolto e sia serena. Ciao.

      Elimina
  2. La ragione per cui tante persone sono così nasce da una dilagante superficialità delle stesse per cui si vantano di sapere cose che neanche hanno ahimè minimamente compreso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Superficialità inconsapevole, ecco il nome giusto. Grazie e ciao Daniele.

      Elimina
  3. Certamente conoscere bene il proprio mestiere è il risultato di studio ed esperienza.Ma secondo me non bastano ancora, occorre quella umiltà che è propria delle persone sensibili, consapevoli dei propri limiti e capaci di ascoltare.Specialmente nella professione medica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nella professione medica credo siano necessarie la consapevolezza delle proprie capacità e del potere decisionale. Avrei voluto essere medico nell'età degli entusiasmi, ora capisco che in questa professione, debbano essere racchiuse tante abilità.
      Ciao Lili!

      Elimina
  4. Anche a me sti giorni mi è stato spiegato per filo e per segno il mio male
    non sono affatto soddisfatto di quel che ho, ma almeno so esattamente cos'è.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Niente di serio spero... E così sarà.
      Stammi bene.
      Ciao.

      Elimina
  5. io so che oggi si festeggia s.petronio :)
    bellissima città (per me) bologna, legata a tanti ricordi.
    lieto giorno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei sempre attento e ricordi tutto.. ti ringrazio a nome della mia città e dei veri bolognesi, ormai pochi.
      Buona giornata.

      Elimina
  6. Mi spiace Massimo saperti poco bene.Ti auguro di superare presto; un sorriso affettuoso da me.

    RispondiElimina

- Grazie per il tuo commento che sarà sicuramente rispettoso.