giovedì 27 ottobre 2016

E le chiamano favole


Una favola orientale racconta di un uomo cui strisciò in bocca, mentre dormiva, un serpente.
Il serpente gli scivolò nello stomaco e vi si stabilì e di là impose all'uomo la sua volontà, così da privarlo della libertà.

L'uomo era alla mercé del serpente: non apparteneva più a se stesso.
Finché un mattino l'uomo sentì che il serpente se n'era andato e lui era di nuovo libero.

Ma allora si accorse di non saper cosa fare della sua libertà: "nel lungo periodo del dominio assoluto del serpente egli si era talmente abituato a sottomettere la sua propria volontà alla volontà di questo, i suoi propri desideri ai desideri di questo, i suoi propri impulsi agli impulsi di questo che aveva perso la capacità di desiderare, di tendere a qualcosa, di agire autonomamente.

In luogo della libertà aveva trovato il vuoto, perché la sua nuova essenza acquistata nella cattività se ne era andata insieme col serpente, e a lui non restava che riconquistare a poco a poco il precedente contenuto umano della sua vita".


Favola orientale riportata da Franco Basaglia 



10 commenti:

  1. Risposte
    1. E' questa la nostra tragedia di essere umani e italiani in particolare, il non saper cosa farsene di quella libertà che mettiamo in cima alle nostre bandiere. Fu Flaiano, credo, a dire che gli italiani sono fatti per la dittutura. Ieri non lo credevo, oggi invece mi è evidente che sì, purtroppo.
      Buongiorno.

      Elimina
    2. a me è evidente da molto tempo. ma io non sono umano. neppure mi considero italiano, se non nel senso di una certa tradizione culturale. buon giorno

      Elimina
    3. Immagino tu non senta alcun desiderio di appartenenza, allora...
      Io sì, ma sono umana e italiana. ;)
      Ciao Ant.

      Elimina
    4. non è esattamente così e puntualizzo: credo, sento di voler condividere e non solo appartenere. buon giorno

      Elimina
    5. Registro la tua precisazione, grazie.
      Buongiorno a te.

      Elimina
  2. sempre attuale ,purtroppo. Buona Domenica:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già già, purtroppo, come dici.
      Buona serata, ciao. :)

      Elimina
  3. E' così vera e così attuale.....
    Forse la terra sta lanciando il suo grido d'allarme... ricostruite pietra dopo pietra la bellezza e la grandezza dell'uomo!
    Cara Sari, speriamo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando avverrà noi non ci saremo, Fausta carissima, i tempi della storia sono troppo lunghi per me ma il nostro piccolo resistere sarà stato utile, eccome.
      Ciao, felice pomeriggio.

      Elimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.
Gli utenti anonimi saranno cancellati.