domenica 12 giugno 2016

Se...




Se qualcuno mi chiedesse: "Cosa vorresti che, dopo di te, di te rimanesse?", risponderei senza esitare: "Questi colloqui"

La frase fu pronunciata dal  giornalista Indro Montanelli al termine di una intervista,  una quindicina di anni fa e lui, che era  persona di pensieri e parole,  ancora lo si ricorda come avrebbe voluto e la sua "vista",  i suoi concetti, ancora ci servono..

Ed io? Cosa vorrei  lasciare di me, non avendo  pensieri altrettanto poderosi?
Ecco... di me, vorrei lasciare l'amore. Vorrei che ogni persona  amata  ricordasse  tutto il bene che le  ho voluto, non per rinfacciarglielo ma come dono, forza e ricchezza... perchè l'amore lo è sempre.


18 commenti:

  1. L'ho sempre considerato un personaggio losco
    si vantava di dire delle grandi verità
    ma mi sono sempre sembrate roba di convenienza.

    Non credo che ricorderò il bene che mi o ci hai voluto,
    andrò via prima di te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leggendo qualche brano dei suoi interventi, mi è parsa persona intelligente e informata... ma non l'ho seguito molto, in vita, erano anni in cui ero molto occupata.
      Non sai, come succede a tutti, quando arriverà l'ora ma se ci vedremo da qualche parte ;))) potremo riparlarne.

      Elimina
  2. questo accadrà, accade sempre. certamente il ricordo specifico non si conserverà per l'eternità. ma il bene sì, quello permarrà

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il bene non è, e non sarà, mai inutile.

      Elimina
  3. Ci sto pensando...cosa vorrei che restasse di me? Il mio interesse per gli altri.
    Non è solo amore: è che proprio la gente mi piace e riesco velocemente ad entrare in contatto.
    ...pki, magari i miei sughi di pesce e le mie torte?
    Emanuela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me piace la gente e la folla mi ricorda spesso la distesa del mare ma non sono diretta come te... ho bisogno di tempo per entrare in vera confidenza con qualcuno.
      Sughi e torte? Mhmmmmm che bontà...

      Elimina
  4. ci ho riflettuto molto quando scoprii di avere un cancro. Soprattutto pensando a quello che avrei voluto lasciare ai miei figli se la terapia non avesse funzionato. Sicuramente gli avrei voluto lasciare l'insegnamento che non ci si arrende mai qualunque cosa ci succeda nella vita non si deve mai smettere di lottare
    un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo scorderanno mai più quell'insegnamento, i tuoi figlioli, soprattutto perchè dato in una occasione in cui ci si può arrendere facilmente. Sei una grande mamma e una eccellente lottatrice.
      Un abbraccio grato, per l'insegnamento che dai, ancora, anche a me.

      Elimina
  5. Brava AZZURROCIELO, credo che sia il migliore degli insegnamenti.
    La domanda me la sono posta anch'io, ma non sono sicura delle mie risposte, forse sono molteplici. E forse anche ...inutili!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NOOOOO... inutili, dici? Affatto. Già il chiedersi cosa lasciare ha un suo valore e quel che si lascia non è mai un oggetto o un conto in banca ma.... Beh, inutile è spiegarlo a te. :) Ciao.

      Elimina
  6. Di Indro Montanelli ho un libro che raccoglie le sue risposte alle domande dei molti suoi lettori sul giornale settimanale di cui in questo momento non mi "viene" il nome.Ricordo che in una di quelle sue originali risposte, una volta scrisse che secondo lui gli uomini erano tutti molto brutti e non si spiegava perché le donne se ne innamorassero invece d'innamorarsi tra di loro così tanto belle!!

    RispondiElimina
  7. Forse i tanti libri che ho letto, o almeno qualcuno di essi, e la speranza che la lettura di un libro non scompaia mai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I libri sono patrimonio solo di chi li legge e di te lascerai quel che hai, o stai seminando, contadino a tua insaputa.
      Ciao.

      Elimina
  8. Anche io vorrei che chi resta ricordasse quel poco che posso aver fatto per loro di bene e sapessero sorridere di tutti gli sbagli che ho fatto perchè fatti comunque col cuore!

    Sarà facile ricordare di te l'amore che traspare anche da parole scritte sul web.... <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono lieta di somigliarti almeno un po', Fausta. E' nella natura umana l'errore ma se si sbaglia in buona fede l'amore non ne risente.
      Un abbraccio e buonanotte. :)))

      Elimina
  9. Qualche aneddoto da ricordare per ridere ancora.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara la mia fiorentina... :))))))

      Elimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.
Gli utenti anonimi saranno cancellati.