domenica 17 gennaio 2016

Ricordando la neve




10 commenti:

  1. Tenerissima questa cartolina. Un famigliola e un paesaggio che riportano all'infanzia quando ti alzavi la mattina e ti sorprendeva quella coltre silenziosa di neve che ti dava gioia. Perché era bello giocare, perché il mondo appariva magico e sognante e le mani diventavano rosse per via delle continue palle di neve che cercavi di fare. Quando rientravi in casa, la mamma ti rimproverava, ma intanto teneva le tue mani nelle sue, cercando di scaldartele.
    Vedi, cara Sari, con la tua immagine mi hai fatto sognare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai guardato con l'entusiasmo di una bambina, con la fantasia di una ragazza e col cuore di una donna. Splendido!
      Grazie, è stato bello leggerti di sera.
      Ciao cara Ambra.

      Elimina
  2. La nve edicmbre he tardano no è certo un bel segno
    ma sedevo essere sincero e se non ci fossero controindicazioni
    a me sto bel tempo non dispiace.
    Ciao.

    RispondiElimina
  3. La gatta presciolosa fa i gattini ciechi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non preoccuparti, capita a tutti di fare errori di battitura in questo piccolo spazio... e te ne accorgi solo in rilettura.
      Ciao.

      Elimina
  4. Esperienze diverse: l'ho conosciuta in tempo di guerra.Como:casa spoglia, niente riscaldamento.Dolori alle mani.La neve mi piace SOLO in cartolina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi raccontasti dei disagi dovuti al freddo ed è comprensibile che queste giornate crude ti portino quei ricordi.
      Ciao.

      Elimina
  5. La cartolina è bella, brava SARI!

    RispondiElimina
  6. Se mi dai il permesso la vorrei mettere sul mio blog.

    RispondiElimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.
Gli utenti anonimi saranno cancellati.