sabato 14 novembre 2015

Paura di avere paura






Parigi - 13 novembre 2015






Notte di sgomento e paura.
Un sabato passato accanto all'informazione radiofonica.
Com-passione.
Timore.
Rabbia verso la violenza, qualunque violenza.










12 commenti:

  1. I nostri giorni sono ormai intrisi di paura. E dolore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarà difficile, adesso, non guardare con sospetto ogni viso straniero e sto pensando ai tantissimi che circolano per le nostre strade e che, anche loro, hanno paura... e dei compagni di fede e di noi che abbiamo lo sguardo corrotto.
      Tempi brutti, questi.
      Ciao.

      Elimina
  2. L'orribile violenza sta distruggendo l'umanità.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Teniamoci saldi, che questa violenza non distrugga,. prima di tutto, quel che siamo o speriamo di essere.
      Ciao.

      Elimina
  3. questa insensata violenza non solo distrugge l'umanità ma forse - ed è quasi peggio - LA DIVIDE.
    stamattina discorsi da bar, ascoltati alle 8 con la morte nel cuore.
    "....ma quel marocchino ( che poi è un nord africano, ma di solito senti dire Marocchino...) chissà chi è?
    e " quel" ragazzo vive qua, nel quartiere, da almeno 20 anni...che tipo è lo sappiamo tutti...
    ho paura della paura.
    la violenza cieca distrugge prima di tutto le nostre anime.
    Emanuela
    Abbiamo passato la notte a cercare di avere notizie di Eleonora, amica di mia figlia Silvia, che vive a Parigi da 6 anni, dove fa l'architetto per Architetti senza frontiere.
    questa mattina finalmente la notizia che sta bene.
    Ho pianto.Per lei, finalmente con sollievo e per tutti, con dolore .
    un abbraccio
    Emanuela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche il sospetto è un obiettivo del terrorismo e uccide... spero si resti con i nervi saldi e la ragione sempre lucida.
      Sono lieta per l'amica ritrovata.. che sollievo.
      Dormi serena cara Emanuela. riposa che c'è bisogno di persone come te.
      Un abbraccio.

      Elimina
  4. Siamo tutti profondamente sconvolti e addolorati; ho trascorso la notte ascoltando notizie. Mi consolido sempre più nell'idea che la Pace non sia di questo mondo. E mi fermo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La pace non è di questo mondo ma possiamo custodire quella che abbiamo.Se non hai riposato, la notte scorsa, recupera questa notte sognando una possibile pace futura.
      Un abbraccio.

      Elimina
  5. Ciao Sari. Son stato fino alle due di notte con la radio all'orecchio a letto a sentire le tragiche notizie di Parigi e stasera, di botto, come spesso mi accade mi son "inventato" una poesia per ricordare il tragico evento.
    E' sul blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei un poeta "di getto" e vado subito a leggerti. Grazie, ora c'è bisogno più che mai di poeti e di parole che sappiamo toccarci.
      Ciao, buona domenica.

      Elimina
  6. Non credo che ci sarà una fine
    forse un giorno avremo finito con l'isis
    allora comunceremo con un'altra sigla
    e poi un'altra e poi un'altra ancora
    e ci saranno morti che non c'entrano niente
    perchè le disparità sono troppo grandi
    perchè la povertà ha sempre meno dignità
    perchè la giustizia nonesiste più
    perchè mille altre cose che ogniuno può aggiungere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' triste doverlo ammettere ma la penso come te. In pochi anni abbiamo fatto un balzo che ci ha ributtato nel medioevo... senza diritti e costretti a chinare il capo davanti ai pochi potenti di turno. Questa volta non sarà per il ceto ma si parlerà di sicurezza, la nostra naturalmente.
      Ciao.

      Elimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.
Gli utenti anonimi saranno cancellati.