martedì 24 marzo 2015

Viva la rai




Un mese fa ho ricevuto la solita lettera dalla rai  che io chiamo "del pentito" perchè allegata c'è la cartolina dove si dichiara d'avere la tv e  si desidera  abbonarsi.   Ancora?, mi sono detta.
Non so se avete mai letto una di queste lettere ma sono persecutorie e minacciose...   un vero stalkeraggio. 

La settimana scorsa è avvenuto qualcosa di più... a casa mia è arrivato il messo con il bollettino  scritto a mano, dove era chiara l'intenzione di farmi sottoscrivere un abbonamento alla rai.  Era  intestato all'agenzia delle entrate ed è  evidente la contraddizione: se si tratta di abbonamento non si può parlare di tassa, e una  tassa non la si può chiamare abbonamento.  
Ho rifiutato di prendere la cartella ma  mi è stata messa nella casella della posta...  chiaro che il mio è  un abbonamento coatto, insomma.

Oggi ho visto aggirarsi, nel quartiere, lo stesso messo e un'altra famiglia  della zona mi ha detto di avere ricevuto un avviso di pagamento  inviato in seguito ad accertamento di  apparecchio televisivo. Non era vero, naturalmente, ma questo la dice lunga sui metodi dell'amministrazione. 

Per quanto mi riguarda, ho girato il tutto ad Altroconsumo e staremo a vedere cosa succede. 
Che brutta sensazione mi procurano questi fatti che paiono  solo  irritanti. 

Come abbiamo fatto a non capire... si chiedeva Levi. 
Già.

.

6 commenti:

  1. La rai ha avuto da sempre un atteggiamento minaccioso, minatorio, se solo non pagavi la "tassa" in tempo oppure cercavi di spiegare che tu non avevi né radio né tv perché scarse di programmi interessanti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono milioni di persone sole che vivono con la tv sempre accesa.- compagna e unica fonte di informazione - sintonizzata su emittenti private che fanno profitto con mezzi che ha adottato anche la tv pubblica. Quest'ultima ha "suoi" canali a pagamento, come se il canone non fosse considerato l'acquisto di un servizio.
      Ciao.

      Elimina
  2. Privatizzarla ed affidarla alle sorti del libero mercato, senza soldi pubblici.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le soluzioni ci sarebbero ma a "qualcuno" non piacciono.
      Ciao.

      Elimina
  3. Il fatto è che sembra quasi impossibile che ci siano case senza rai e tv. E' giusto che chi non ami tenerle, non venga disturbato da personale petulante ed invadente.Ciao SARI !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che ho trovato altre persone che, come me, hanno fatto la scelta di non avere la tv? Io vi rinunciai tantissimi anni fa per la violenza e la sconsolante offerta dei programmi. Non tutto era da buttare, certamente, ma non volevo sovvenzionare, coi miei denari, quello che ritenevo un cattivo servizio.
      Ciao.

      Elimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.
Gli utenti anonimi saranno cancellati.