martedì 4 febbraio 2014

Canone

Non è che non mi piaccia la tv, anzi, mi piacerebbe poter guardare con comodo i programmi che penso potrebbero interessarmi, ma ho scelto di non averla  per protesta, contro il degrado dei programmi, la violenza delle immagini, la pochezza dell'offerta e l'invasione dei messaggi (pessimi a mio avviso) pubblicitari.
Potevo sovvenzionare, col canone, un progetto come quello offerto? No, la mia risposta è stata NO e mi sono disfatta di ogni apparecchio televisivo, anche di quello piccolissimo, non più funzionante,   che tenevo  per ricordo ma che poteva mettermi  fuori regola.
Si era ventilato di far pagare il canone a chi possedeva un semplice collegamento alla rete elettrica... ma poi non se n'è fatto nulla... forse la comunità europea avrebbe avuto da ridire? Non lo so.
Fatto sta che la rai ha  aggirato il problema e messo le sue reti online. Così, ora,  dovrei pagare il canone perchè  un pc l'ho.
Considero questa  pretesa una violenza, esattamente come quella del bagnino che mette  qualche servizio di gioco e musica (fastidiosa)  in spiaggia  per alzare  spropositatamente la quota giornaliera.  Quei servizi io non li ho chiesti, non mi interessano e non li voglio pagare.

Sarò lieta di comperare un televisiore e pagare il relativo canone...
... quando faranno programmi di qualità...
... quando smetteranno di spettacolarizzare il dolore, la rabbia, la violenza, il pettegolezzo...
... quando la politica e l'informazione avranno spazi delimitati e non  occupati...
... quando riprogrammeranno film decenti e spettacoli culturali...
... quando  rispetteranno le fasce protette...
... quando ridurranno la pubblicità o il canone...
... quando pretenderanno da ogni persona che s'affaccia in video  modi e  linguaggi urbani.

In questi giorni mi è arrivato il solito avviso a cui da anni non rispondo... (ho persino telefonato a Torino ma per loro è impossibile che in una casa non ci sia un televisore)... lo ignorerò come ho fatto con gli altri.
Però, che rabbia!!!


.

16 commenti:

  1. Anche mia sorella, che sono anni che non ha la TV, riceve ogni anno l'avviso. Non avere la Tv è assurdo, secondo loro. Fai bene a rifiutare la Tv. Averla non vale la pena.
    Ti abbraccio
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta di condividere con tua sorella questa scelta.
      Ciao Francesca, ottima giornata. :)

      Elimina
  2. Giusta scelta e sottoscrivo ogni singola cosa che hai detto. Sono pienamente daccordo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la solidarietà, anche se non sempre si può fare una scelta come la mia. Ciao!

      Elimina
  3. Se Don Chisciotte fosse stato donna si sarebbe chiamato Rina! Hai ragione, non c'è bisogno di sperare per combattere (questa è di Guglielmo D'Orange, non mia....). Un abbraccio da un ammiratore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lui combatteva contro i mulini a vento ed era anche un po' pazzerello.
      La massima di D'Orange non la conoscevo ma la condivido.
      Ricambio l'abbraccio e il resto. :)

      Elimina
  4. Sempère con la corazza addosso e la spada sguainata,
    ma come fai?!
    C'è bisogno di te,
    prendi la tessera e vai in sezione (pardon, circolo).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avessi la spada e il coraggio di usarla, non m'inviteresti al circolo... farei una strage!!! Non solo lì, naturalmente... ma anche lì. :)))
      Ciao!

      Elimina
  5. Buona giornata Sari, sei una GRANDE.......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppo generosa, amica mia... grazie!
      Felice giornata :)

      Elimina
  6. Ti ammiro. Io ancora guardo la televisione per qualche film e per comodità di uno schermo più grande. Trovo assolutamente insopportabile la mistificazione: non su può chiamare abbonamento il canone TV e poi considerarlo come una imposta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Francesco, non sempre si possono fare scelte drastiche come la mia ma quando le cose cambieranno userò la tv come stai facendo tu.

      Elimina
  7. La qualità televisiva in Italia è veramente scarsa.
    Serena domenica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero scarsa, quasi nulla.
      Buongiorno a te.

      Elimina
  8. ciao Sari, non siamo in pochi a non avere la tv in Italia. Da 25 anni e più, l'ho eliminata pure io e condivido in pieno quanto hai scritto. Pensa che i miei figli sono nati e cresciuti senza la tv, ma abbiamo tre librerie in casa stracolme di testi. Un giorno, all'ennesima telefonata ricevuta dai promoter che volevano piazzarmi i vari decoder, dicendo loro che da molti anni non avevo la tv, ricevevo risposte del tipo: è impossibile, sono balle lo dice solo perchè sarà uno dei tanti che non paga il canone, nessuno in Italia è senza la tv ecc. per quanto riguarda mettere la tassa sui pc, la cosa è stata bloccata perchè sarebbe stato come tassare l'aria...anche se non mancherà molto...
    ciao
    un abbraccio
    giordan

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Venticinque anni... però! Ai miei tre figli ho razionato la tv riducendola a un'ora al giorno. In cambio, naturalmente, offrivo giochi organizzati, letture collettive, merende con gli amici e altre attività che non facessero rimpiangere il piccolo schermo. Ora sono adulti critici e questo mi basta.
      Ricambio l'abbraccio, buona giornata.

      Elimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.
Gli utenti anonimi saranno cancellati.