mercoledì 22 gennaio 2014

Grazie maestro Abbado

foto Sari


Nel pomeriggio sono stata a salutare il maestro Abbado. Era nella Chiesa di Santo Stefano, un complesso  da noi bolognesi chiamato "sette chiese", racchiuso in un legno chiaro. Nella piccola cappella  di antichissima pietra che l'ospitava, c'erano solo vasi di girasoli e leggii.  E musica.  Musica, sempre.

E musica silenziosa  erano le persone in  fila per l'ultimo saluto... persone coi volti compunti che attendevano di entrare per tenerlo vicino ancora un po'. 
C'erano parecchi   giovani, diversi stranieri  e  allievi con gli strumenti nella custodia.   Si entrava a piccoli gruppetti e nella piccola cappella dov'era sistemato il maestro   la commozione  era tangibile. Il cielo era azzurro e  l'aria tiepida e la città pareva dare  il meglio di sè  in onore del suo amato cittadino. 

Il maestro Abbado  era ben  più di un grande musicista, era un uomo intelligente e sensibile che aveva a cuore i giovani e le persone svantaggiate. La natura  era stata generosa con lui e lui non ha esitato a mettere quei doni a disposizione di chi lo avvicinava. Non diceva d'essere:  ERA.

"La cultura è lo strumento per giudicare anche chi ci governa", ci disse, e mai come in questo momento abbiamo bisogno di tenerci caro quel che in tanti anni ci ha donato.
Grazie maestro Abbado.

.

10 commenti:

  1. Come al solito si viene qui a respirare un po' d'aria pulita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sempre gentile, Nucci, e so che sei sincero. Grazie.

      Elimina
  2. Bellissime parole e spunti di riflessione importanti... La cultura come arma silenziosa di pace e di progresso sociale...rifletto sul fatto che ci vogliono tenere il più possibile ignoranti e piatti, offrendoci biechi programmi televisivi e non solo...ma non voglio fare troppa polemica... Rimarrei a sentire quell'emozione così intima che qui hai voluto condividere...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è come dici bene: la cultura è un'arma potente che s'insinua dentro te e ti rende capace.
      E naturalmente questo fa paura a chi intende governare come stanno facendo.
      Ieri ho visto come le persone presenti al Saluto fossero altro da tutto quello che ci viene mostrato e rappresentato nei media. Non ci sarebbe stato bisogno di servizio d'ordine perchè il rispetto, il buonsenso, la sensibilità, l'amore, non avrebbero permesso qualcosa di sconveniente.
      Ieri la piazza era una chiesa a cielo aperto... la religiosità del momento era chiara a tutti.
      Ciao e bentornata.

      Elimina
  3. Ed io mi unisco a queste tue garbate e delicate parole di saluto ...... al tuo "grazie" a questo grande maestro ....................................
    Buona serata Sari!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Contenta di averti con me accanto ad un sentimento comune per il grande maestro.
      Ciao, buona serata.

      Elimina
  4. Grazie Sari, buonanotte.......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, dolce pittrice.
      Buona serata.

      Elimina
  5. La sua scomparsa ha molto colpito anche me. Un grande davvero, un gigante.
    Grazie
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il maestro Abbado aveva molti ammiratori, ora ne ha ancora di più.
      Ciao Francesca, buona giornata.

      Elimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.
Gli utenti anonimi saranno cancellati.