domenica 24 marzo 2013

Pensiero di pace


16 commenti:

  1. Devi ammettere però che non sia giusto, per me, che Berlusconi risparmi molta fatica. :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco perchè non è in grado di aiutare altri che se stesso.. non può chinarsi. Ed io che avevo sempre pensato male...
      Ciao Giba. :))

      Elimina
  2. Ciao Sari, la foto è molto dolce è la frase è splendida.
    Ti ringrazio del tuo saluto, per me questi giorni così
    piovosi e grigi, fatti di vari anniversari e compleanni,
    mi hanno reso un pò introversa e con poca voglia di aprirmi
    anche se solo attraverso l'etere.
    Mi auguro che arrivi per tutti una calda e luminosa primavera
    a spazzare via tutte le malattie dell'inverno passato.
    Un abbraccio
    Loretta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Loretta, i sentimenti passano attraverso il web e io sento di te. Non volevo forzarti con il mio saluto ma desideravo che ti giungesse, come mano agitata dietro i vetri del tuo bisogno di stare raccolta.
      T'auguro anch'io una primavera luminosa, a combattere magari con le lumache ma fra i profumi delle tue rinnovate rose.
      Un abbracccio affettuoso.
      Sari
      P.S.: Sai che i rami della forsizia, seppur potati e lasciati a terra, sono fioriti? Che sa fare la natura...

      Elimina
  3. A volte mi accorgo di essere piccolo
    A volte me lo ricordi te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chi fa come te non è piccolo, non può esserlo. Anzi.
      L'immagine del mio post l'ho rubata a Fausta, come mi accade spesso di fare... tanto so che lei non se ne ha a male. Mi piace condividere il bello che trovo, è come un'eco che spande...
      Ciao, un abbraccio.

      Elimina
  4. io ho aiutato molti animali, specialmente i gatti...però mi sento sempre in colpa perchè mangio la carne che mi piace e guardo con ammirazione i vegetariani...penso che in questa settimana come ogni anno in occasione della Pasqua c'è la strage degli agnellini...c'è poco da stimarsi...eh!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si mangia troppa carne, questo è il vero problema, Lili cara...ne basterebbe così poca...
      Io ne mangio pochissima e non ho mai mangiato l'agnello nè il maialino da latte perchè anche nella mia famiglia di origine pareva un peccato.
      Non ho ancora capito bene come rispettare gli animali pur non essendo vegetariana... cerco di mangiare l'indispensabile e lasciare un posticino per un pezzetto di cioccolato che non fa male a nessuno essere vivente. O sì?!

      Elimina
    2. Lili, Sari. Care amiche, questo argomento è sempre stato per me fondamentale: come si fa a mangiare gli animali se li si considera amici? Da ragazzo ho perfino provato ad essere vegetariano, ma ero diventato anemico. Beh, qui è difficile essere vegetariani. Comunque anni dopo ho capito che la cosa triste non è uccidere gli animali, è farli vivere in condizioni terribili, solo per cibarsene.
      Gli allevamenti intensivi, le galline in batteria: queste sono cose disumane.
      Allora ho deciso che avrei cercato di stare attento alla provenienza della carne.
      Comunque ne mangio il meno possibile: fosse per me non ne mangerei quasi mai.
      Ricordo bene il momento in cui arrivai a capire tutto ciò. Fu alla fine di un lungo periodo di riflessione, se non sbaglio era l'estate del 2000. Ero in vacanza per qualche giorno in Croazia, stavo osservando i pesci sotto di me, nell'acqua trasparente dei laghi di Plitvice. Mi venne in mente la canzone "il dono del cervo" di Branduardi, canzone che conosco a memoria, insieme a "Alla Fiera dell'est", da quando ero bambino: è così, gli animali ci fanno dono della loro carne, così come ne fanno dono ad altri animali. D'altronde la vita, senza la morte, non è possibile. Noi dobbiamo essere grati e ci dovremmo comportare se non proprio da esseri umani, almeno da animali, come tutti gli altri insomma, uccidendo per vivere, non allevando per arricchirsi.
      Ciao

      Elimina
    3. Ciao Eli, pochi giorni fa anche Lara ha inserito nel blog un video terribile dove si trattava della sofferenza degli animali da allevamento. come dicevo a lei, se tutti mangiassimo solo la carne che ci serve per davvero il problema non si porrebbe. Mangiano troppo di tutto e questo è un danno doppio.. e per la salute nostra e quella del pianeta.
      Cerco anch'io di stare attenta alla carne che compero e ne mangio poca ma mangio formaggi e uova che provengono da allevamenti "a terra" ma sarà vero? Non so... non resta che comsumare solo il necessario e non sprecare nulla.
      "Noi dobbiamo essere grati e ci dovremmo comportare se non proprio da esseri umani, almeno da animali" scrivi.. ci sei tutto tu in questa frase che mi segno. Se non ricordo male, anche gli antichi popoli ringraziavano la terra e gli animali che erano costretti a uccidere... come sarebbe diversa la vita se anche noi fossimo responsabili di ogni nostra decisione... se ci importasse davvero scegliere.
      Ciao!

      Elimina
    4. Buondì Sari.
      La pensiamo proprio allo stesso modo.
      Tra l'altro c'è un rapporto tra la produzione di alimenti vegetali e animali...
      Cioè per produrre una quantità di cereali sufficienti a sfamare 1000 persone per 10 giorni, ci vogliono una pezzo di terra e un tot di acqua, concime ecc.
      Se con lo stesso pezzo di terra, la stessa acqua, concime ecc. si alleva il bestiame (per quanto tempo oltre tutto?) alla fine in quanti mangiano una sola bistecca?
      C'è un rapporto, che adesso non ricordo, incredibile. Come dici tu, dovremmo mangiare solo la carne di cui abbiamo bisogno, allora probabilmente anche la fame nel mondo si ridurrebbe drasticamente. Ciao

      Elimina
    5. Consapevolezza.
      Ciao caro Eli e tanti auguri di buona festa.
      Ciao! :)))

      Elimina
  5. Giusto e commovente.
    Sei sempre grande, Sari!
    Grazie e ciao,
    Lara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lara generosa, ti abbraccio con vero affetto.
      Ciao!
      Sari

      Elimina
  6. Ognuno, pur nel suo alto che sia, se non sa inchinarsi alla bellezza del creato,
    sarà, pur sempre nel suo alto, sempre un "piccolo".

    Mi permetto di sottolineare...ricordiamoci che ciò vale, (in questo caso, vista la foto), non solo per gli animali, ma sopratutto per coloro che soffrono umanamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto, approvo tutto quel che scrivi, Nilo.
      E' doveroso occuparci (chinarci) sulle persone che hanno bisogno della nostra mano tesa.
      Ciao, lieta di "rivederti" in forma.
      Buona giornata.

      Elimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.
Gli utenti anonimi saranno cancellati.