mercoledì 12 dicembre 2012

Scoramento

Ma chi è questa comica che si concede, impunemente, di offendere a destra e manca e dice volgarità in prima serata e in area protetta? Ma esiste ancora un'area protetta?

La giornalista che conduce questa settimana la bella trasmissione "prima pagina", dice che questa persona ha successo proprio grazie al suo frasario. Se la sua analisi è corretta, si frantumano tutte, tutte, tutte, le mie speranze per il futuro.
Le persone perbene, consapevoli dei propri diritti e rispettose di quelli degli altri, che proteggono onore e dignità anche dei più piccoli, sono limitate alle mie conoscenze?



.

5 commenti:

  1. La satira dipende dalle cose che dici
    dalla loro mordacia e se sei in video
    anche da come le dici,
    se poi per rafforzare hai a volte un frasario sopra le righe...
    Bhe, fa parte del gioco e per quel che ha detto
    la signora in questione (credo sia lei)
    ormai non si scandalizza più nessuno
    a meno che non lo si voglia fare per forza.
    Ciao Sari

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Massimo, la satira non è così tanto volgare... è corrosiva, ironica ma non si serve di parolacce ad effetto per catturare l'attenzione. Il gusto della parolaccia, spesso fine a sè stessa di quella comica, è quella del bambino che la dice perchè ne vede l'effetto sugli adulti. Lei (sì, è proprio lei) fa la parte del bambino e gli spettatori, che dovrebbero fare quella degli adulti, non le fanno il favore di farlo.
      Io non mi scandalizzo, Massimo, combatto la parolaccia e il suo spingerci ad un triste declino... e non sono la sola, per fortuna.
      Ciao!

      Elimina
  2. L'inciso "per bene" mi sta stretto. Se vuol dire seguire i dettami della massa, stringendo i denti, non sono per bene e, non ho ancor capito perchè, anche per i delinquenti, quando passano a miglior vita, la gente, quasi tutta, dice che era una brava persona.
    No, se era delinquente in vita, lo rimane pure da defunta. Ciao-abbraccio- Dan

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dana, le persone perbene sono quelle che rispettano le regole, che scelgono il proprio comportamento e stile di vita in base a ciò che ritengono giusto. Non sono niente di speciale, prese singolarmente, ma fanno grande differenza se diventano moltitudine.
      La persona cattiva, anche da morta, rimane cattiva, per me. Lasciamola in stand-by, senza amore nè rancore, se si può. Se non serve ad additarla come momento di crescita per altri.
      Un abbtraccio a te, Dana, ciao.

      Elimina
  3. Sono con te, Sari, in pieno.....

    RispondiElimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.