venerdì 16 settembre 2011

Tanto per sorridere un po'



.

11 commenti:

  1. Brava, ne avevo bisogno...
    Io m'innamoro dei gatti...vuoi vedere che nella vita precedente fui una gattina?

    RispondiElimina
  2. Una gattina di sei metri. allogata nella giungla, con unghie lunghe un metro (laccate).

    Magari piacevolissima, se ti strusci prima di mangiare. Dopo mangiato non lo puoi sapere, sei nel suo stomaco.

    Meno male che tu ed io non ci parliamo. Non avendoti parlato io non posso far altro che esser sicuro che tu non abbia udito. Anzi, non ne dubito.

    RispondiElimina
  3. Ed ora, Sari, alle donne. Che differenza passa fra una ragazza che compiace il depravato ed il depravato?

    Cosa la nobilita ? L'esser donna ?

    Donne povere ed uomini poveri ce ne sono ? Tanti.

    Devo dedurne che la donna è scusata perché donna e che il giovane uomo si prostituisca per vizio ?

    Sari, queste donne, di questi paralleli, non son altro che femmine degli uomini, come gli uomini maschi delle donne. La stessa, stessissima razza.

    Siamo tutti quel che ci capita di essere, cara sognatrice.

    RispondiElimina
  4. Ciao GIULIANO, io sempre ti leggo e ti ascolto,sei tu che mi hai relegato nel novero delle ex amiche.La gattina di sei metri, ossia la belva dalle unghie laccate (le mie sono sempre corte e senza smalto seppure curate) chi è? Mi farebbe piacere saperlo.
    Non capisco poi, l'intervento di CAINO...quante complcazioni per una simpatica semplice faccia di gattino che voleva solo rappresentare un piccolo stacco per un sorriso...
    Ciao GIULIANO, per me sei sempre TU.

    RispondiElimina
  5. Me ne sto in silenzio, con il fiato sospeso...

    (((((Torneranno a parlarsi questi due amici miei che si vogliono bene ma non se lo vogliono dire?)))))

    RispondiElimina
  6. A Lili.
    Caino parlava a me, rispondendo ad altro messaggio.
    Buona domenica cara.
    Sari

    RispondiElimina
  7. A Caino.
    Ti risponderò con più tempo, l'argomento è interessante e tosto. Ricordo che quando disse le cose che sostieni oggi (che "quelle" donne sono solo femmine) quasi venni lapidata.

    Buona domenica anche a te.
    Sari

    RispondiElimina
  8. Certo, Lili, ha ragione Sari. Ci vogliamo bene ma se ce lo diciamo dobbiamo parlare e, se parliamo, finisce che ci "appiccichiamo".
    Cose ovvie fra borbonici e garibaldini, fra laici e credenti che sono troppo amici, e si stimano troppo per non "soffrire" la mancanza dell'altro.

    Sono davvero lieto, in ogni caso, che non ci siamo persi di vista: sia chiaro, la tigre non sei tu. (M'avisse 'a muzzecà n'ata vota ? :)))))))))))) ) Un bacio, ciao.

    RispondiElimina
  9. Ma sì, pazienterò ancora, senza demordere...

    :)

    RispondiElimina
  10. Però oggi sarebbe la giornata giusta, vero Lili?
    la ricorrenza è mondiale e non va sprecata.

    ;)

    RispondiElimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.
Gli utenti anonimi saranno cancellati.