sabato 18 giugno 2011

Preghiera di un uomo di pace




Ho una grande tristezza dentro;
ho bisogno di sfogarmi con qualcuno
e mi rivolgo a te, Signore,
perché so che mi ascolti e capisci.

Fa’ smettere per sempre, Signore,
la falsa propaganda dei militari
e le nere previsioni dei politologi
a servizio delle multinazionali.

«Quanto vi pagano per ingannare la gente
anime nere dell’informazione?
Pagherete cara questa manipolazione delle coscienze,
questa strumentalizzazione del potere che avete!».

Non c’è alternativa!
Devo convivere con una società
fondata sulla violenza
e sul culto del potere e della forza.

Ormai la conosco bene questa mentalità
che sgretola i rapporti di solidarietà
e la vera amicizia fra gli uomini
infischiandosene della pace.

La pace, invece, è la mia grande preoccupazione,
il mio impegno primario;
ma quando propongo qualcosa
mi si fa intorno il deserto!


Sergio Carrarini


.

11 commenti:

  1. Ciao Sari, questo di Carraini non è più solo il grido dell'esiliato, ma di tutti noi che cerchiamo e vogliamo la Pace, che siamo stanchi di essere manipolati ...
    Grazie cara amica, ti abbraccio dolcemente.
    Lara

    RispondiElimina
  2. Tu conosci proprio tutti, Lara. Anche don Carraini. Mi fa tanto piacere.
    Un abbraccio ricambiato con entusiasmo.
    Ciao.
    Sari

    RispondiElimina
  3. mi verrebbe da rispondere: se intorno trovi deserto sei sulla buona strada.
    buon giorno :)

    RispondiElimina
  4. Francamente io non sono pessimista, penso invece che ci siano molte orecchie ad ascoltare in questo apparente deserto...purtroppo in qualche modo e misura, abbiamo tutti contribuito a tenere in piedi un governo che ha valorizzato parolacce (vedi "bunga bunga" vedi "exort" vedi manipolazioni delle menti attraverso la pubblicità ingannevole, vedi menzogne, consumismo e falsi bisogni) e denigrate, banalizzate, svuotate quelle pregne di alti significati, quali merito, solidarietà,giustizia, impegno sociale, partecipazione...
    E' tempo di reagire con fermezza!

    RispondiElimina
  5. Buongiorno a te, Antonypoe.
    IL tuo commento (ma come si fa a dire tutto in 1 riga o poco più? Non ce la farò mai)
    Ciao :))

    Sari

    RispondiElimina
  6. Lili, sto reagendo da due decenni... cerco d'essere coerente con me stessa e tiro diritto su questa strada.
    Mi fa piacere il tuo ottimismo... grazie.
    Sari

    RispondiElimina
  7. il mio commento..?
    sembri aver dimenticato la conclusione.
    ma forse era espressa in quel che scrivi tra parentesi?
    troppo laconico?
    anche a scuola facevo temi stringatissimi :)
    buona giornata

    RispondiElimina
  8. Ma non è un difetto ANTONY, è un pregio. Non è da tutti rissumere un pensiero ben completo ed efficace in un'unica riga!
    Questo intendeva SARI.Ed anch'io naturalmente.
    Ciao!

    RispondiElimina
  9. Ad Antonypoe.
    Vero! Manca un pezzetto al mio messaggio... scusami.
    Scrivo quel che avrei dovuto:
    Il tuo commento lapidario racchiude comunque molte considerazioni.

    Sì, la sinteticità è un pregio (però amo anche il suo contrario.
    Ma anche il mio messaggio monco ha un suo valore perchè Lili è corsa a difenderlo con tutta la straordinarietà dell'amicizia. Grazie Lili!

    Felice giornata a tutti e due.
    Sari

    RispondiElimina
  10. grazie della precisazione. un grazie anche a lili che saluto.
    naturalmente si può disquisire e discutere sul fatto che costituisca un pregio o meno.
    l'importante è lo spirito. avere un atteggiamento non preconcettuale ed essere disposti ad ascoltare, a sentire, andando oltre l'apparenza della forma adottata.
    non ho dubitato neppure per un attimo che la risposta non fosse improntata a questo spirito.
    mi sono dilungato troppo? :)
    buona giornata

    RispondiElimina
  11. Antonypoe :)))) questa è anche casa tua, esprimiti come senti... ti leggeremo sempre volentieri.

    Ciao! Sari

    RispondiElimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.