giovedì 6 gennaio 2011

Magi

Epifania.
Questo inno, di cui ricopio alcuni versi, pardon "stanze", è il più famoso che la chiesa ortodossa dedica alla Genitrice di Dio ed è ispirato alle sacre scritture.
L'inno, anonimo, è composto da 24 stanze, tante quante le lettere dell'alfabeto greco ed ogni stanza comincia con tale lettera.
Ne ho estrapolato solamente la parte che riguarda la festività dell'Epifania e vi auguro che i doni di questa giornata siano pioggia benefica durante tutto l'anno.



L'INNO AKATHISTOS



(...)
8. Osservando la stella
che guidava all'Eterno,
ne seguirono i Magi il fulgore.
Fu loro sicura lucerna
andando a cercare il Possente,
il Signore.
Al Dio irraggiungibile giunti,
l'acclaman beati:
Alleluia!

9. Contemplarono i Magi
sulle braccia materne
l'Artefice sommo dell'uomo.
Sapendo ch'Egli era il Signore
pur sotto l'aspetto di servo,
premurosi gli porsero i doni,
dicendo alla Madre beata:

Ave, o Madre dell'Astro perenne
(...)


Per chi vuole approfondire: http://www.maranatha.it/akathistos/akaPage.htm

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.