giovedì 4 maggio 2017


La Camera, quest'oggi, ha approvato la legge che consente di sparare in casa propria come mezzo di difesa.
Il provvedimento passerà ora al Senato ma non  so se osare sperare che dica un bel NO.

Se sarà normale avere un'arma in casa,  familiarizzeremo con la sua presenza ma con  quella cosa terribile  non so come faremo a sentirci tranquilli...  i nostri bimbi potrebbero scambiarla per un  gioco o potrebbe rappresentare  la tentazione  in un momento d'ira o di sconforto, o usata per errore.  L'America insegna, purtroppo.
"Ho un'arma e posso usarla" può  risvegliare,  secondo me,  gli istinti peggiori e noi non potremo essere  più tranquilli.  No, io sicuramente no.
La politica ci lascia sempre più sbigottiti e soli.

12 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Ho intenzione di parlarne in modo particolareggiato sul post che uscirà domani da me :-))) Ti rinvio lì se posso permettermi anche su riflessioni legate al ddl in questione ed ai suoi contenuti. E' vero che la pistola fa paura e che l'ira e la collera può essere dietro l'angolo, ma quei bastardi che uccidono le loro donne lo fanno anche a mani nude, con l'acido, quindi non hanno bisogno di attendere questa legge purtroppo per agire in quel modo schifoso. Gli incidenti accadono se sei pirla e lasci l'arma in evidenza e carica. Cmq detto questo c'è molto di più da dire su questo disegno di legge ma ripeto ti rinvio a domani sul mio blog :-)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io dividerei la violenza privata (i dati sono da anni allarmanti) che è cosa da indagini e magistrati, da quella pubblica. Se questa legge passerà, crescerà la violenza, ci sarà un incremento della vendita delle armi, fatto che farà fregare le mani ai già ricchissimi costruttori, e il proliferare di situazioni che sfuggiranno al controllo. Sai come sarà facile dichiararsi offesi per poter poi reagire uccidendo? E i fraintendimenti, le vendette e l'escalation della criminalità violenta che sapendo di dover affrontare persone armate uccideranno prima ancora che il derubato dica amen? Verrò a leggerti, ma sono molto allarmata.
      Ciao.

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. Ti attendo volentieri e potrai anche dire la tua opinione commentandomi. Vedrai che anche io ho dei dubbi su questo tipo di rischio ma ci sono anche altre considerazioni da fare al riguardo secondo me.

      Elimina
  4. Sono del tuo avviso, cara Sari.
    Anche a me questa politica sembra ogni giorno più spaventosa.
    Penso che fenomeni come Igor, il mostro di Budrio, tenderanno a proliferare e non a ridimensionarsi, alzando il livello del clima di violenza, anche di quella teoricamente legittima.
    Un saluto, ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo, caro Franz. Citi lo slavo in fuga e penso che la sua storia sia allarmante e preoccupante. Da tempo si sapeva di lui e della sua violenza ma non è stato fermato. Ora tutta questa attenzione mediatica l'ha fatto diventare famoso come nuovo Passatore mentre la nostra attenzione viene stornata da quel che fa la politica, come dire che si stanno prendendo due piccioni con una fava. Igor avallerà la legge che sta per passare al Senato?
      Ciao, buona giornata.

      Elimina
  5. Le armi non mi piacciono ma confesso che mio marito più di una volta ha pensato che, tutto sommato, averne in casa una non sarebbe poi così negativo. Viviamo in una casa isolata, a volte davvero ci sentiamo come abbandonati e pensiamo: se dovesse arrivare qualcuno, noi che facciamo? Come per tutte le cose, dipende da chi e da come la si usa. Anche il coltello per tagliare la carne può diventare un'arma micidiale in mano ad un cretino!!!!
    Ti abbraccio
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Francesca, anche noi, negli anni delle br ci sentivamo indifesi nella nostra casetta delle vacanze che era un paradiso ma l'unica in un vasto raggio ed era attorniata da boschi e prati. Pensammo che chi vede un'arma spiana subito la sua, che noi avremmo titubato prima di uccidere e quindi un'arma sarebbe stata pericolosa per noi stessi. Invece della legge che consente di sparare in casa, bisognerebbe far frequentare un corso pratico e psicologico a chi richiede il porto d'armi... che comunque, per come la penso, dovrebbe sempre essere ben motivato.
      Un abbraccio e buone cose... spero di rileggerti ogni tanto e di avere tue notizie.
      Ciao.

      Elimina
  6. Non so se sul piano giuridico fosse necessario un aggiustamento delle norme; il diritto a difendersi è già previsto dalle norme, e sparare ad un ladro che sta fuggendo è qualcosa in più della legittima difesa. Comunque il rumore mediatico che hanno sollevato avrà l'effetto di aumentare il ricorso ad armarsi. Usare poi a livello di campagna elettorale una delicatissima questione come questa fa veramente schifo. ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' davvero ributtante questa politica che usa ogni mezzo per aumentare il proprio potere nutrendoci di paure. Abbiamo buonissime leggi, tanto che il potere vuole cambiarle, ma non sappiamo ancora attuarle. Avremmo bisogno di più istruzione e non a caso la scuola è stata il primo bersaglio delle forbici dei governi.
      Ciao.

      Elimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.