mercoledì 22 giugno 2016

Parole parole parole 5

"Il vero problema è l’integrazione per mezzo della “rimozione”: per integrare i musulmani, cioè, c’è chi pensa che si debba rimuovere la croce, o che per integrare gli omosessuali si debba aggredire la letteratura e la cultura della famiglia. È un modo di vedere ristretto e rigido che considera lo spazio culturale come uno spazio limitato, nel quale, a causa del “sovraffollamento” di culture, si deve tagliare un po’ di spazio a una per darlo a un’altra. Ma la natura dello spazio culturale umano è proprio quella di essere senza limiti. Invece di cercare cosa rimuovere, dovremmo cercare cosa aggiungere e come costruire ponti".  

Wael Farouq 

Tratto da  (cliccare per leggere tutto l'articolo)

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 

Fare spazio  è l'unico modo per accogliere qualcuno  ed è errato pensare che facendo questo si perda qualcosa perchè più si fa spazio e più lo spazio si crea.
Fare spazio, come dice bene Wael Farouq, non significa rinunciare a se stessi, alle proprie idee e tradizioni, ma riconoscere la dignità che vorremmo per noi  anche ad altri.

Per come la penso, il problema del nostro disagio nei confronti del diverso non è nel numero degli arrivati ma nella giustizia. Se ogni persona fosse trattata secondo giustizia, e qui il concetto si fa ampio, il fare spazio non ci spaventerebbe affatto.
Ben vengano persone come questo studioso egiziano, di cui riporto più sopra alcune righe sul suo pensiero in merito all'integrazione,  che ci fanno pensare e, dove occorre, maturare come cittadini.

Il blog che Farouq  tiene sul settimanale "Vita", porta il titolo "l'IslAmico".  E' curioso che una religione che fa paura al mondo abbia nella sua parola di riferimento quella bellissima di Amico.



6 commenti:

  1. è una vita che sostengo questo. ma nessuno pare capirmi quando ne parlo. ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' più comodo affidarsi a un luogo comune che fermarsi a ragionare: è questo a danneggiare la società pigra e lenta.
      Ciao.

      Elimina
  2. Fare spazio, aprirsi alla conoscenza, avere sempre la curiosità dell"altro come del nuovo.
    Fare sp perché la mente ed il.cuore posso crescere all'"infinito
    Emanuela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno Emanuela. E' come dici: mente ecuore non hanno confini e solo la nostra stoltezza li pone.
      Qui fa già caldo, di primo mattino... posso sbuffare? ;)

      Elimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. La mente ed il cuore sono il nostro infinito, bisogna aspettare che tutti se ne accorgano.Anche qui, SARI, improvvisamente il caldo! Lo temo quanto il freddo.Sbuffiamo insieme!

    RispondiElimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.