domenica 1 marzo 2015

Da madre vorrei - di Elisena












Da madre vorrei
____________________
Elisena


ch’ogni figlio fosse mio figlio
quello nero ... nato da una pelle bianca
quello orfano ... nato da un cuore morto
quello cieco ... nato dal Sole
e quello profugo ... nato dalla grazia della guerra
Da madre vorrei poi
ch’ogni figlio diventasse uomo
e ch’ogni uomo diventasse padre e madre
di questi stessi figli che la vita ha partorito
per sacrificio d’offerta al mercato dell’oscurità
Solo così … da questi figli miei
da questi figli di tutti noi
dai loro grembi
nascerebbe l’umanità vera
e i loro figli si rassomiglierebbero tutti
Ma la vita continua ad abortirli
e non dopo pochi respiri
ma prima che imparino a leggere
prima che si sazino
prima che s'impadroniscano d’un sorriso
 prima ancora che diventino uomini.



Il blog di Elisena   ... un luogo di poesia che seguo con piacere.




14 commenti:

  1. grazie per averci permesso di leggere queste parole meravigliose.
    Emanuela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per averle lette col cuore. Sapevo ti sarebbe piaciuta questa poesia.
      Ciao, buonanotte. :)

      Elimina
  2. Sento una tenerezza infinita tra quelle righe, il desiderio estremo di un'umanità più umana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un'umanità più umana ... sì, dici bene. La poetessa ha un cuore così, intelligente e sensibile.
      Ciao, buonanotte.

      Elimina
  3. Non ho parole Sari ...... un semplice grazie è poco rispetto alla gratificazione di cui mi degni!
    T'abbraccio con sincero e grande affetto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A dire il vero sono io a dover ringraziare te che mi concedi le tue poesie. Sono una tua ammiratrice, lo sai, e poi mi piace spalancare le finestre alle cose belle e tu sai smuovere correnti d'aria.
      Ciao, buonanotte e ancora grazie.

      Elimina
  4. in queste parole ci sta dentro tutto il dramma di questi uomini e di questa terra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione sai... non basta che le parole ci commuovano, debbono smuovere le coscienze affinchè cambino i nostri gesti concreti.
      L'informazione ci ha portati a conoscere tutti i mali del mondo, a patirne tanto da diventare, per difesa, indifferenti. Tutti sono quindi lontano da tutti... ma poi si legge una poesia e il vicino torna vicino e quindi visibile.
      Anche tu sai attivare coscienze, con la poesia e la prosa.

      Elimina
  5. Eli è sempre bravissima..
    GRANDE!
    Maurizio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La faremo arrossire questa poetessa... :)
      Benvenuto e buona serata.

      Elimina
  6. Molto bella la poesia, particolarmente dove spera che gli uomini si riconoscano padri e madri dei tanti bambini "abortiti" dalla vita, prima ancora che ne abbiano conosciuto la bellezza...Ciao RINA, non mi riusciva più di entrare nel tuo blog, ti lascio un saluto sperando che ti giunga.Lili

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che sorpresa, Liliana, sono lieta di trovarti qui e ringrazio questa bella poesia che ti ha dato l'occasione di entrare.
      Ciao.

      Elimina
  7. Grazie Sari di avere condiviso queste belle parole.
    Una buonanotte a te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eppure ti avevo risposto già ieri sera... mah...
      Che straordinario questo web... leggendoci ci facciamo continui regali e con questi si cresce, si impara... allievi per sempre.
      Un abbraccio.

      Elimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.