domenica 3 giugno 2012

Gente emiliana 2

Le storie delle persone colpite dalla sventura  fioriscono nel web. Sono storie buone, che testimoniano quel che l'uomo è capace di fare nel momento della verità. 
E' QUI  la storia di una coppia che non s'arrende. Leggerla dà speranza.


.

5 commenti:

  1. Avevi ragione Sari, sulla inaffidabilità dello Stato e sulle sue promesse, mai mantenute. Oggi scopro che i soldini che ho inviato al numero della sottoscrizione "La7/Corriere della sera", che già altre volte avevano fatto in modo di spendere "in loco" e personalmente i soldi incassati, sono stati pretesi dallo Stato che ha creato un "FONDO SPECIALE" (sic), presso la protezione civile.
    Questi soldi finiranno nelle tasche del primo amministratore che passerà davanti agli uffici dove imperò Bertolaso.
    Gli emiliani non li vedranno mai. Bisogna cancellare questa non-democrazia di mascalzoni. Per forza.

    RispondiElimina
  2. All'Aquila hanno solo "prestato" i soldi della raccolta - spero senza interessi - e una volta che il debito è stato rifuso dove (a chi) andranno quei denari?
    Giba caro, quante cose da sistemare in questa nostra terra meravigliosa.

    RispondiElimina
  3. che si deve o si può fare?

    RispondiElimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.
Gli utenti anonimi saranno cancellati.