domenica 17 aprile 2011

Le Palme


Gesù,
forse è per paura delle tue immonde spine
ch'io non ti credo,
per quel dorso chino sotto la croce
ch'io non voglio imitarti.
Forse, come fece San Pietro,
io ti rinnego per paura del pianto.
Però io ti percorro ad ogni ora
e sono lì in un angolo di strada
e aspetto che tu passi.
E ho un fazzoletto, amore,
che nessuno ha mai toccato,
per tergerti la faccia.



Alda Merini
(Il carnevale della croce)

.

4 commenti:

  1. "...io ti rinnego per paura del pianto"
    Parole controverse ed emozionanti, piene di amore.
    Grazie Sari.
    Un abbraccio,
    Lara

    RispondiElimina
  2. Come è bella e come è vera, senza vergogna e piena d'amore.

    RispondiElimina
  3. Non fa mai sconti, la nostra Alda Merini... mette il dito nella piaga e pratica con passione anche la crudezza.
    Un abbraccio carissima Lara.

    Sari

    RispondiElimina
  4. Si, Vitamina, senza vergogna... quanto sarebbe bello se potessimo essere spontanei come lo era lei.
    Un caro saluto e buona settimana.

    Sari

    RispondiElimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.
Gli utenti anonimi saranno cancellati.