domenica 9 gennaio 2011

Cito:

"La gente continua a chiedersi: - C'è la vita dopo la morte?
Io dico: - Innanzitutto, chiedi se c'è una vita prima della morte.
Prima di tutto vivi, vivi totalmente."
(Osho)

Beh, questo passo mi ha spiazzato.. mi pareva ovvio che chi fa domande fosse vivo. Invece, a pensarci bene...



.

8 commenti:

  1. Si può essere vivi ma morti dentro nello stesso tempo. Chi non vive la propria vita muore piano piano ogni giorno. Di questo sono convinta. Osho spiazza assai spesso!!!
    Un abbraccio
    Francesca

    RispondiElimina
  2. a parte l'inutilità della domanda mi pare ovvio il pensiero di osho (che non conosco e saluto). mi pare così ovvio che l'eventuale vita futura non può che essere la continuazione di quella vissuta, già piena realizzazione e anticipazione. buona giornata

    RispondiElimina
  3. Ciao Sari. Confesso che certe volte mi sento una zombie, più che un essere pieno di vita. Fortunatamente me ne accorgo e cerco di ... svegliarmi.
    Comprendo bene la citazione che hai riportato, quindi!
    Spesso anch'io leggo Osho.
    Buona giornata!
    Lara

    RispondiElimina
  4. E' possibile morire pur vivendo, concordo con te, Francesca. Poi accade qualcosa che ci risveglia e riprendiamo a vivere senza sapere d'esserci addormentati.
    Fu Antony De Mello a dire che la prima condizione per essere vivi era quella d'accertarsi d'essere svegli?
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  5. Antonypoe, Osho è morto nel 1990 ma siccome era certo della reincarnazione, il tuo saluto potrebbe leggerlo e ricambiarlo.
    Non ho compreso come tu possa ritenere inutile la domanda se c'è vita dopo la morte.
    Quando m'è capitato di chiedermelo (non oso dar voce a questa domanda perchè di certo nessuno lo sa) mi sono augurata di sì o di no, più spesso la seconda: una vita mi basterebbe, è così complessa...
    Ciao!

    RispondiElimina
  6. Ecco, Lara, quel che ti capita succede anche a me. Ero certa che conoscessi Osho, lo si nota dalla scrittura e dalla lettura del tuo blog.
    Ciao e buona giornata anche a te!

    RispondiElimina
  7. perché? perché io sono concentrato sul presente. e, se proprio devo proiettarmi, penso che è comunque ora che si gettano le basi di quel che sarà (come ho accennato nel commento precedente). ciao

    RispondiElimina
  8. Antonypoe, concentrato sul presente.
    E' un bellissimo modo di vivere, caspita! Niente passato/piombo, niente ansie di futuro e la possibilità (capacità) di gustare appieno il presente. Complimenti... o sei un fortunato Matusalemme o un gran lavoratore di pensiero.
    Ciao con un sorriso.

    RispondiElimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.
Gli utenti anonimi saranno cancellati.