domenica 28 giugno 2020

Domenica di ormai fine giugno

L'ascensore è libero e arriva in fretta. Il cane Momilla, ormai anzianotta, si ferma sulla soglia ed io la sospingo dolcemente con la caviglia (com'è ancora morbida la pelliccia).
Il prato è ancora verde,  lei ed io lo pensiamo tutto nostro  ma poi vediamo un vecchio signore che, in un angolo, sta leggendo.. è un  vicino di casa  e so che si tratta di un libro di guerra. Nonostante ne abbia vissute due, di guerre, ancora ne legge e ogni fatto lo appassiona. E' bellissimo, mi ha detto un giorno, se le interessa potrei passarglielo quando l'avrò finito. (L'età pare essere inferiore alla sua passione fresca e giovane)
In fondo al giardino vedo Anna e la sua gatta. Lei prende il sole, la gatta sbocconcella l'erba e ogni tanto la sua attenzione viene catturata dalle lucertole che sfrecciano veloci sfidandola. Anna mi racconta... è molto giovane, piacevole, e ha mille progetti che girano nella sua testolina bionda. (Mio Dio, com'è bello essere giovani)
Il gatto si allontana e va recuperato, Momilla e i suoi quasi vent'anni vorrebbero tornare a casa e l'accontento. (L'età va rispettata)
Ciao ciao signor Lettore,  Anna, Prato, Uccellini e Lucertoline coraggiose... a questo pomeriggio. (Com'è quieta la domenica mattina all'ombra dei palazzi)



14 commenti:

  1. e buon giorno a lei, signora scrittrice :)
    come è dolce tutto ciò...
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno anche a lei, signor lettore. ;)
      Ciao!

      Elimina
  2. ancor più bello è l'essere giovani dentro cara Sari!!!
    Un sorriso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' come dici, Luigi, restare giovani dove conta esserlo è sia obiettivo che dono da trattare con cura.
      Ricambio il sorriso e grazie.

      Elimina
  3. Una fotografia. Che ha immortalato tutto, tutta la vita, la dolcezza e l'amore di un istante.
    Ci riescono in pochi <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono attimi di armonia dove non accade nulla di speciale ma senti che tutto è perfetto... a me capita di capirlo dopo, da quel che mi ha lasciato in cuore.
      Generosa Dadirri, grazie.

      Elimina
  4. Che dolcezza! Fa venir voglia di venire a stare lì!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se venissi ad abitare qui vedresti che nulla è perfetto ma ci sono attimi benedetti a pareggiare tutto il resto.
      Grazie, ciao Pat.

      Elimina
  5. leggere e piacevoli le pennellate del tuo racconto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piacevole è la tua visita. Grazie Francesco.
      Ciao.

      Elimina
  6. Anch'io mi chiamo Anna, però non sono più tanto giovane, anch'io avevo una gatta che amavo molto ma è volata via..e mi viene da piangere, se ci penso. Bel racconto di una domenica di fine giugno. Buon mese di luglio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un bel nome Anna. Guarda che si riesce a fare con due sole lettere. La sofferenza per un amore volato via, qualsiasi amore, è la riprova dell'amore stesso. Ci sarà un altro micio che t'aspetta, da qualche parte.
      Buon mese di luglio anche a te, cara Mirtillo.

      Elimina
  7. Come un dolce a colazione, una dolcissima scrittura.
    Ciao Sari.
    fulvio

    RispondiElimina

- Grazie per il tuo commento che sarà sicuramente rispettoso.