venerdì 16 dicembre 2016

Che belli i dialetti

L'ho sentita proprio ieri quella espressione dialettale e mi si è allargato il cuore per la sorpresa gioiosa. E'  raro sentire  il mio dialetto ma ieri  ho ascoltato una parola che avevo dimenticato:  m'agriva.   Tradotta letteralmente vuol dire mi spiace ma sarebbe riduttivo farlo perchè quel m'agriva dice di più, intende un dispiacere più profondo, una pena che quasi non dà pace. 
La nostra cara lingua italiana è ricca di vocaboli ma il dialetto è insostituibile perchè ogni gruppo di persone trova espressioni tutte sue per dire  di un sentimento che accomuna solo la comunità che lo usa. 
M'agriva che il dialetto bolognese vada perso ma nessuno lo parla per via di quelle migrazioni che hanno caratterizzato la nostra zona e mischiato, a volte anche  felicemente, parole, detti, cibi e usanze tanto diverse fra loro. 




Al gréll cantarén

Cómm un gréll cantarén in un gabiòt
mé a cant par mî piasair, parché a stèr srè
mé a murirêv, s’a n cant, quand al vén nòt,
e a m cuntänt d una fójja d insalè.

Fôrsi an me bèda gnanc un lumagòt, 
ma chi s n in frêga? Dåpp una cantè 
l é l istàss ch’èva vént un têrn al lòt, 
e a sån quèsi cuntänt d èser scurdè!

Par l’ânma cantarénna é sänper bèla
la vétta, e quall ch’é brótt al n à inpurtanza
s’at rèsta inpiè int al côr una fiamèla...

Lasèm dånca cantèr la mî rumanza 
fén che int al zîl l’arlusarà una strèla. 

Ugo Balestri 


                                                                                                                                     Il grillo canterino

Come un grillo canterino in una gabbietta
io canto pel mio piacere, perchè a star rinchiuso
io morirei, se non canto, quando arriva la notte,
e mi accontento d'una foglia di insalata.

Forse non mi ascolterà nessuno
ma chi se ne importa? Dopo aver cantato
è come avessi vinto un terno al lotto
e sono quasi contento d'essere scordato!

Per un'anima canterina è sempre bella
la vita e quel che è brutto non ha importanza
se ti resta accesa nel cuore una fiammella...

Lasciatemi dunque cantare la mia romanza

fino a che in cielo rilucerà una stella.

(Mia traduzione) 

3 commenti:

  1. io sono una cultrice dei dialetti, il mio, una " mescolanza" di romagnolo e marchigiano, essendo là casa, famigli, origini, radici e il genovese, tanto bello quanto difficile! Lo capisco( neppure tanto) e non lo parlo per niente|!
    un abbraccio
    Emanuela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh sì, ricordo le commedie di Govi e quanto dovevo far lavorare l'immaginazione per capirlo.
      Un abbraccio a te Manuela e Buon Natale sereno a tutta la tua famiglia.

      Elimina
    2. Emanuela, scusami l'errore.

      Elimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.
Gli utenti anonimi saranno cancellati.