venerdì 3 aprile 2015

Venerdì Santo


Golgota
___________________
Giba


Datemi una pagina bianca:
con le parole
disegnerò un Golgota
di nude pietre,
una croce di legno.
L'uomo disegnerò,
con le mani bianche
ferite,
e con parole cadenti,
una goccia
di sangue
per ogni sillaba.



Scrive l'autore  che potete leggere QUI, nel suo Ottovolante:

"Un omaggio a chi crede di un non credente che sente la poesia della fede, non quella di chi la gestisce."




8 commenti:

  1. Trovo che siano parole che escono dall'anima, un'anima poetica e ricca di sentimenti autentici.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giba è un gran poeta, ma lui non lo sa.
      Buona Pasqua, Ambra.

      Elimina
  2. bellissima immagine. E' il venerdì santo.
    ed oggi, sabato, ne approfitto per farti i miei auguri più affettuosi. mentre cucino, iniziando a preparare il nostro pranzo - vegetariano - per domani, per i miei ragazzi.
    sarà anche vero che "....Pasqua con chi vuoi...." ma a me piace tanto essere qua, in famiglia!
    Un grande abbraccio e tanta serenità. Emanuela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un evviva per la famiglia, certo, la penso come te cara Emanuela. L'ho trascorso anch'io così e sono stata bene.
      Buona Pasqua, ciao

      Elimina
  3. Bellissima poesia, intensa e piena di sentimento!
    Spesso chi si dichiara non redente ha più fede di chi è convinto di esserlo!
    Buona Pasqua Sari! Che la Resurrezione riempia cuore e vita con la sua luce!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bell'augurio, Fausta cara... lo terrò ne cuore.
      Buona Pasqua!

      Elimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.
Gli utenti anonimi saranno cancellati.