giovedì 28 febbraio 2013

Momi



Scusami Momi se tiro un pochino il guinzaglio, invece di dirti che stiamo per svoltare a sinistra...  il fatto è che non posso parlarti in questo momento, ci stanno guardando. 
Chi? Ma quella signora là,   non hai sentito? Ha  appena detto che chi parla con i cani è matto da legare.  Lei non sa che noi ci parliamo sempre e,  non vorrei offenderti,   un po' matta lo sei  anche tu che  mi comprendi. 
Dai, facciamo finta di niente, allunghiamo il passo, svoltiamo l'angolo  che così si torna a parlare. Però non di Peter... basta non ne posso più... è carino, sì, e quel puntino nero sulla coda scodinzolante è  grazioso ma... quel che è troppo è troppo!


.

12 commenti:

  1. Momi, sei uguale uguale ad una cagnolina che avevo tanti anni fa. Si chiamava Billy ed era la tua goccia d'acqua!!! Hai un musetto davvero simpatico e una frangetta irresistibile. Ma chi è Peter? Un tuo amico? Dai, salutamelo appena lo rivedi, O.K.? E dai una leccatina anche alla tua amica-compagna di vita che ti porta a passeggio con se... Si, dille che ha un cagnolinbo davvero simpatico. E' un vero piacere parlare con te!!! Ma non dire a nessuno che ci siamo fatti una chiaccherata, va bene? Sai, potrebbero prenderci per matti!!!
    Un abbraccio e un bacino
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah Francesca... che divertente questo parlarci a otto zampe (2+2+4)
      Ciao, buonanotte.
      Sari

      Elimina
  2. Sari, io amo i cani. Per dirla tutta io mi sento un cane, di nome Flik, che piango ancora dopo cinquant'anni.

    Essendo io un cane mi manchi, Sari. Non è che mi daresti una grattatina alle orecchie? :)))))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E va bene, portami una scala che salgo ai tuoi due metri per grattarti dietro le orecchie.
      Ma non potevi abbassarti? ;)
      Ciao amico mio.

      Elimina
  3. Non ho un cane. Ma casa ogni tanto arriva Laika, la porta mia figlia. Mi guarda intensamente e con tono confidenziale come faccio a non parlare con lei. E poi ogni tanto mi capisce. ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dicono che i cani capiscono un bel numero di parole e la quasi tua Laika e la mia Momi lo dimostrano.
      Ciao Francesco.

      Elimina
  4. I cani ci capiscono, siamo noi che spesso non capiamo loro
    è una questione di toni e messaggi corporali.
    Detto ciò se ti metti un auricolare finto o staccato dal telefono
    e parli col cane, la signora rompiscatole penserà che stai telefonando
    e tutto filerà liscio.
    Per quel che riguarda Peter:
    Momi, non farti fregare, se viene fin sotto casa
    allora puoi anche farci un pensierino,
    altrimenti lascia perdere, vuol dire che non pensa a te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sai che è una bella idea quella di fingere di parlare al telefono? ;)
      Ho passato alla Momi il tuo suggerimento riguardante Peter... chissà se ti ascolterà.
      Ciao!

      Elimina
  5. Non ho il cane ma una gattina! Le parlo da quando è entrata nella mia vita ed è per me una piccola amica pelosa preziosa!!E lei sono convinta che mi comprende!!Perchè?...Perchè con il movimento delle orecchie o del capo quando le parlo sembra che lei mi ascolti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che ascolta. Gli animali capiscono un certo numero di parole e mi dicono che i cani hanno una ricchezza di vocaboli pari a quelli di un bimbo di tre anni. La Momi come uno di cinque. Eh, non dire che sono esagerata... sono come tutte le persone che pensano che il loro cane sia speciale. :)))

      Elimina
  6. Momi continua ad ascoltare la tua padroncina! E se gli altri guardano e pensano e dicono che lei sia un poco svitatella, tu non badarci, anzi scondizola, fai tante feste mentre ti parla..ed insieme proseguite il vostro cammino!
    Le persone che giudicano non sanno cosà perdono..quando non parlano con gli animali ...!! Loro si che sono anomale e fredde dentro al cuore!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho portato il tuo messaggio alla Momi che ringrazia.

      Elimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.