lunedì 9 aprile 2012


Ciao,  Miriam Mafai 

Un'altra voce dai  solidi ideali ci ha lasciati.
Che ne sarà di noi se rimarranno solo  rumore e chiasso? 
Chi parlerà ai nostri giovani? 
Credo ci salverà la scrittura, perciò informiamoci, appassioniamoci... e leggiamo, leggiamo, leggiamo...



.

6 commenti:

  1. Ho sempre avuto tanta ammirazione per Miriam Mafai,di lei ho letto solo un paio di libri, in particolare ricordo che fui molto interessata a "il lungo freddo" dove si parla (ma non solo) di Bruno Pontecorvo scienziato (fratello del regista Gillo Pontecorvo)che scelse di andarsene a vivere nell'Urss...
    l'ho sempre avuta nel cuore ma forse non l'ho seguita abbastanza, lei è stata una scrittrice forte e silenziosa, forse non abbastanza conosciuta dalla massa.

    RispondiElimina
  2. Informata e presente, brava Lili. Non ho letto niente di Miriam Mafai ma l'ho seguita sui giornali ed ho sempre tenuto in grande considerazione le sue opinioni. Mi propongo di ascoltarla ancora, nei libri.
    Ciao. :)))

    RispondiElimina
  3. Grazie Sari, non avevo letto questa notizia ( tv spenta e niente giornali), dovrò seguire meglio il tuo consiglio " informiamoci"!
    Buon fine settimana.

    RispondiElimina
  4. Ciao Rosellina del Roseto, sono contenta del tuo bagno di silenzio (no tv, no giornali) ogni tanto lo faccio anch'io... per sopravvivere.

    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  5. Le voci sono destinate, per loro natura, a spegnersi.
    Resta e tocca a noi saper tenere alta e sempre viva la fiamma per il breve tratto di staffetta che ci è stato assegnato nel percorso della vita
    Buona domenica Sari
    Antonio

    RispondiElimina
  6. Sì, tocca a noi, Antonio e mi fa piacere ripeterlo con te. Faremo la nostra parte, vero? Sapendo già delle voci più forti delle nostre e non importandocene.
    Buona domenica anche a te, ciao della tua presenza.

    RispondiElimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.