venerdì 20 novembre 2015

Da blog a blog

 
Questa mattina ho letto un post, nel blog Eliotroporosa , che ha dato voce a quel che pensavo, seppure in modo confuso,  sui fatti parigini.  
"Se fosse viva le scriverei: scusati Oriana",  scrive Simone Perotti (scrittore di libri e articoli) che è stato molto contestato dai lettori de "Il fatto quotidiano" sul quale l'aveva pubblicato.

Perotti pare rispondere, in questo suo articolo dove contesta le idee della Fallaci, a quello di Battista che, dei fatti di Parigi, aveva scritto a botta calda:  "Scusaci Oriana, avevi ragione".
La Fallaci, infatti, era convinta dell'intenzione del mondo musulmano di islamizzare l'Occidente, e i fatti parigini parevano la conferma del suo pensiero.
Ma Perotti, nel suo scrivere,  ribalta la questione e dà alla celebre giornalista il demerito di avere soffiato su un fuoco che bisognava invece cercare di smorzare.

Mi sono trovata parecchio d'accordo con l'articolo di Perotti che segue, secondo me, le idee di un altro giornalista che ha viaggiato e vissuto parecchio tempo in ogni parte del mondo: Tiziano Terzani di cui ho letto parecchi libri e che scrisse quel chiaro libro che è "Lettere contro la guerra".
E' scomodo tornare a ripensare e, magari rivedere a mente sgombra, le proprie convinzioni, soprattutto dopo la terribile vicenda parigina,  ma a volte è necessario per costruire, almeno idealmente, un mondo più equo.

.


16 commenti:

  1. d'accordo con te. E già ai tempi in cui uscirono i libri di oriana fallaci che " soffiavano" veramente sul fuoco, me ne sentivo lontana anni luce.
    io credo fermamente, ora più che mai ed a mano a mano che invecchio sempre di più, nell'importanza della conoscenza, della " curiosità" verso l'altro, del cercare di approfondire una realtà di cui conosciamo solo una piccolissima parte, nella necessità di mettermi continuamente in discussione, cercando di superare preconcetti, stereotipi, luoghi comuni.
    un abbraccio ed un buon fine settimana
    Emanuela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con gli anni, con l'esperienza, si crede sempre meno alle notizie che ci forniscono già interpretate e cominciamo a ragionare per conto nostro. E poi, le persone pienamente adulte non si sentono sminuite dal cercare una verità che spesso è inafferrabile ma la vivono come continua crescita personale.
      Un abbraccio e grazie per la passione con cui affronti il mondo.

      Elimina
  2. D'accordo, Sari, con te, con Simone Perotti, con Emanuela che ha lasciato il suo pensiero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi stupisce il tuo essere d'accordo con queste idee... credo di conoscerti abbastanza. :)
      Buona domenica, ciao.

      Elimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Credo d'essermi educatamente scontrata con chi, in questi ultimi tempi, ha cercato di rivisitare "la profezia" di Oriana Fallaci; di questi tempi fomentare odio è proprio quello di cui non abbiamo bisogno!! Buona domenica Sari!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' facile profeta chi predice sventure ed ha il potere di divulgare come vero il proprio pensiero. Anche i cristiani hanno compiuto malefatte in nome della religione ma era sbagliato ieri come lo è oggi per altri fanatismi. Pace, vorrei che ci sentissimo tutti piccoli semi di pace, per diffonderla e farla sembrare una cosa normale.
      Ciao, buona domenica a te.

      Elimina
  5. Sono più che mai d'accordo con te, in particolare con questa tua risposta appena sopra. Temo comunque che in questo feroce desiderio di annientarci, ci siano ragioni più ampie e incontrollabili. La nostra civiltà è al tramonto, questa è la storia, non dico nulla di nuovo. Muore una civiltà quando il benessere ha fiaccato le forze, ha addormentato gli animi e contemporaneamente ha reso arroganti le menti degli uomini. Detto questo, io spero invece che questo furore, questo odio violento che ha toccato i nostri figli, ragazzi pieni di vita e di desiderio di vivere loro negato, io spero, io credo che sia la sferzata giusta per alzarci da poltrone troppo comode, per accorgerci degli altri e stringerci in una grande rete di solidarietà non solo oggi, ma anche domani, che semini la pace che tu auspichi. Come tutti noi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non credo che basti questa "sferzata"
      ma non voglio fare commenti, aspetto di digerire sta faccenda
      per pèoi ragionarci sopra a mente lucida
      nel frattempo raccolgo commenti e dati che mi aiutino a capire.

      Elimina
    2. Ambra
      Non so chi siano gli attori veri di queste violenze e non ho alcuna idea al riguardo, ma qualcuno si sta servendo di loro per motivi che per il momento sono inconfessabili.
      Sì, siamo al tramondo, Ambra, e non sai quanto mi addolori constatare come questo nostro periodo favorevole alle uguaglianze stia irrimediabilmente svanendo.
      Hai messo il dito nella piaga parlando di forze fiacche... sì, la nostra società si è strafogata di benessere e si è rilassata troppo, anche dove occorreva vigilare costantemente e attentamente... con le conseguenze che sono davanti gli occhi e nei giornali.
      Vedo i bambini stranieri che sono nelle nostre scuole (li vedo nei gruppi di sostegno scolastico) e noto l'interesse e l'impegno che mettono per riuscire a nuotare in un mare dove i nostri bambini, invece, si annoiano. Che spreco, che peccato. Ma ci "risveglieremo" e recupereremo, almeno lo spero.
      Ciao e grazie.

      Elimina
    3. Nucci
      Le idee chiare... oh te lo auguro e spero che le condividerai qui. Dal canto mio, non credo che le chiarirò mai perchè mi perdo facilmente fra i vari motivi (veri o falsi) che scatenano questo o quel fatto.
      Ciao.

      Elimina
  6. All'epoca, lessi a voce alta quella lunghissima lettera di Oriana Fallaci, Ricordo ancora gli occhi stupiti di mio fratello. Nel pomeriggio davanti ad una tazza di caffè ne riparlammo. Lui parco di parole, non riusciva ad esternare tutta l'amarezza che ci aveva lasciato addosso. Io avevo un gran nodo alla gola.
    Qualche tempo dopo lessi la risposta di Tiziano Terzani. Nelle sue parole trovai la "pace" e la "speranza".

    Ti abbraccio con la speranza che ho nel cuore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vi "vedo", tu e tuo fratello a parlare delle follie di quel mondo che ai giovani dovrebbe apparire meraviglioso.
      Crescendo le cose non è che migliorino però si fanno altri incontri e un po' di pace calma il cuore.
      Ti abbraccio anch'io, ciao fatina.

      Elimina
  7. 9 giorni senza un nuovo post.
    Stai bene vero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sto bene, grazie, trascuro un po' il mio vocedivento perchè sto lavorando molto. In questi giorni ho messo online anche il mio blog di Natale e se vuoi andare a vederlo lo trovi qui: http://ennecomenatale.blogspot.it/
      Ciao, buona domenica.

      Elimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.