venerdì 8 novembre 2013

Benvenuta Socialstreet

 SOCIALSTRETT sito

Di che si tratta, cos'è la socialstreet? 
In sostanza si tratta di una iniziativa volta a favorire  conoscenze fra persone che vivono vicine ma che ignorano tutto l'uno dell'altro, un po' come creare in città le belle realtà di un piccolo  paese. 
A un giovane uomo bolognese, iscritto a facebook, è venuta l'idea di  creare un gruppo di vicini di casa per condividere, inizialmente,  momenti di svago...   poi la cosa si è allargata e stanno crescendo altre iniziative comuni. 
Sono appena nati ma  godono quindi di buona salute i gruppi socialstreet sorti questo  settembre  a Bologna. Chi sono e cosa fanno lo scoprirete visitando il sito che è ancora incompleto ma a cui auguro lunga vita.  I socialstreet non sono gruppi di acquisto ma  incontri di svago,   generosità e, perchè no, di aggregazione risparmiosa perchè, visto che il gruppo sta riscuotendo successo anche fra i negozianti della via dove l'iniziativa è nata, ci sono sconti per chi spende il proprio denaro nella via. 
Che dite, copiamo? 


.

10 commenti:

  1. C'è della gente veramente che fa lavorare la mente e anche il buonsenso.
    Peccato che sia la minoranza, ma bisogna accontentarsi.
    I principi di questa iniziativa mi sembrano eccellenti e allora buon cammino
    e buone compagnie.
    Ciao Sari, ti auguro di passare un buon fine settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi italiani siamo così, diamo il nostro meglio quando siamo in difficoltà. :)))
      Buon fine settimana anche a te, Loretta dei mici e dei giardini.

      Elimina
  2. Possiamo anche copiare
    ma mi rimane difficile venire a comprare mezzo chilo di pane a Bologna
    :-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potresti farlo in via Pico Pallino, nella città dove abiti. :))))))))

      Elimina
  3. Ecco un'altro esempio della trasformazione silenziosa che sta attraversando il mondo intero e che ci permetterà di superare la più spaventosa crisi (a tutti i livelli) della storia umana.
    Almeno Jacopo Fo la pensa così; a dirla tutta, io sono molto più dubbioso sulla seconda parte di tale affermazione, ma non demordo, e cerco di invitare a non farlo mai per nessuna ragione!

    Saluton de' Salutoni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì! Saluton de' Salutoni Franz!. :)))))))))
      Il mio amico Leone, lucido centenario, ricorda la crisi del '29 (lui l'ha vissuta e la ricorda bene) e pensa che quella odierna sia peggiore perchè non c'è volontà di ripresa. Io aggiungo che non ci sarà se non ci daremo tutti un gran daffare per riprenderci i diritti persi e se non faremo fino in fondo la nostra parte, e sul luogo di lavoro, nei rapporti con il prossimo e con il rispetto e la tolleranza necessaria per vivere in comunità.
      Ciao.

      Elimina
  4. Sì,sì, gentilissimo Nucci. Andiamo a Bologna a comprare tortellini dal fornitore di Sari! Consiglierei anche i salumi e il lambrusco di Sorbara (fa nient' ca l'è no d 'Bulogna!). Poi scappiamo, senza pagare, con la mia macchina, targata Napoli. Ci faremo un nome! La banda del lardo.........
    Sari, ti riservo una percentuale del 10% se ci presenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gibassotto caro, e ti pare che Sari li vada a comperare i tortellini? E comunque non li regalerei a te che, oh se lo so bene, li affogheresti nel ragù (orrore!). Però previa promessa, giurando con le dita incrociate a croce sulla bocca, e facendo preparare alla tua mogliettina il brodo forse... forse... Non so se a Nucci piacciano i tortellini ma nel caso farei giurare anche a lui.
      La banda del lardo... c'è posto anche per me? ;)

      Elimina
  5. Anche io voglio entrare nella banda del lardo!!!

    RispondiElimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.