martedì 2 aprile 2013

Medicine e brevetti


Glivec è il nome di un farmaco che inibisce  alcuni tipi di cancro e la  Novartis, l'azienda  che l'aveva "inventato",   sette anni fa fece  causa alle aziende di farmaci  generici che producevano lo stesso prodotto a prezzi infinitamente più bassi, sostenendo che il brevetto andava rispettato.  
Il brevetto della molecola  era scaduto ma la ditta  l'aveva rinverdito proponendolo come nuovo e così iniziò il contenzioso  teso ad  averne ancora l'esclusiva. 
Le  aziende indiane, che si sono battute per produrre questo medicinale,  si sono viste ora  riconosciuto  il diritto  perchè la Corte Suprema di New Delhi ha respinto il ricorso della Novartis.  
Eureka!
Per capire l'importanza di questa vittoria, basti pensare che per un mese di cura  la spesa della Novartis  è di 2600 $ contro i 175   del prodotto indiano (dato preso da la.stampa.it)   e  che l'India, con il Brasile, è l'azienda che produce la maggior parte dei farmaci generici. Ecco che risulta evidente come  questo successo indiano vada a vantaggio dei malati di tutto il mondo.   
A sostegno delle aziende indiane, a suo tempo, si raccolsero firme nel web (non ricordo la cifra ma  fu enorme) ed anch'io ho aderito...  questa vittoria è quindi,  per infinitesima parte, anche mia.  Non tutto è inutile, per noi "piccoli",  è bene ricordarlo.  Che sarebbe il grande oceano senza piccolissime gocce?

.

6 commenti:

  1. grazie anche a te battagliera signora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con le mie piccole armi, mi batterò sempre per le cose a cui tengo.
      Ciao, buona giornata. :)))

      Elimina
  2. Rincuora pensare che si possa davvero invertire, con campagne di informazione, il corso di eventi disumani.
    Una mia amica bolognese è purtroppo direttamente interessata a una replica, made in Italy, dello stesso copione. Ecco che cos'ha scritto pochi giorni fa su Facebook:
    Queste "filantropiche" case farmaceutiche sono le stesse che in Italia, con la complicità dell'Azienda Italiana del Farmaco, hanno di fatto impedito che l'Avastin (un farmaco per la cura delle maculopatie) continui a essere impiegato, obbligando il SSN a usare il Lucentis (stessa molecola) che costa 70-80 volte di più. Di conseguenza, le disastrate finanze del Servizio Sanitario Nazionale, che hanno subito tagli pesantissimi, non sono più in grado di assicurare ai 200.000 affetti da maculopatia l'unica cura che potrebbe salvarli dalla cecità.

    Non so se esista al proposito una raccolta di firme, comunque mi sembra utile diffondere la notizia.
    Grazie e ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certi medicinali risultano quasi gratuiti per il cittadino ma la spesa grava sull'intera comunità e quei contratti, si sa, fanno comodo a qualcuno.
      E se la tua amica si rivolgesse ad un'unine consumatori e lei stessa lanciasse una raccolta firme? La maculopatia è una malattia grave e va fermata. Se ci saranno iniziative, dimmelo che divulgherò come posso.
      Ciao Franz e grazie per la notizia. :))

      Elimina
  3. Ho sentito anch'io la notizia in tv, SARI, è una bella vittoria...veramente molte aziende produttrici di farmaci vitali, si dovrebbero vergognare d'imporre prezzi così inaccessibili. Credo che sia molto utile, gentile FRANZ, diffondere notizie come quelle che ci hai comunicato. Nel caso si sapesse dell'esistenza d'una raccolta di firme saremmo pronte. Un caro saluto, Lili.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se certa gente si vergognasse non farebbe quel che fa.. le case farmaceutiche sono una casta potente ma se noi fossimo informati e uniti la loro "fortuna" diminuirebbe.
      Teniamoci informate... pronte a dare battaglia.
      Ciao amica mia. :))

      Elimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.