lunedì 31 dicembre 2012

Riflessioni a cavallo d'un nuovo anno

Riflessioni  di fine anno.
Lista in divenire


Il 2012 è stato un anno duro, un anno di disastri.
disastri ambientali
disastri provocati dall'uomo
disastri finanziari
disastri politici
disastri lavorativi
disastroso rigore (solo per lavoratori)
disastrose tasse, in chiaro o meno
disastrosi femminicidi

Un 2012 di perdite di cui dovremo tenere conto. Un anno "senza".
senza lavoro
senza il cardinal Martini
senza Lucio Dalla
senza Roberto Roversi
senza Rita Levi Montalcini
senza l'equità promessa
senza la crescita disperatamente aspettata
senza giornali liberi dalla pubblicità
senza una legge che tuteli bimbi e giovani

Ma un nuovo anno inizierà fra poche ore, e non ci troverà soli. Sarà un anno "con"
con Alex Zanardi
con il cardinale Tonini sempre in grande forma
con i tanti volontari che sul territorio lavorano in silenzio
con Libera
con il politico che si è dimezzato lo stipendio per dare il buon esempio
con i giornalisti coraggiosi
con le amicizie solide e solite
con la lettura dei blog che seguo con piacere

Sarà un anno buono o solo meno peggio... si vedrà.

2 commenti:

  1. Sari,hai sbagliato a scrivere anno,devi scrivere 2012 e non 2011
    ciao

    RispondiElimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.