martedì 6 novembre 2012

Ho derubato l'amico Giba

... di una sua recente poesia. E'  colma di forte sentimento, come tutte le sue. 
Sentite cosa e come dice...


Il lontano vicino


Canto un amore
fragile ed antico,
fragile come il fiore,
antico come il vento.

Eppure se mi chino
scopro che il fiore
è fresco di rugiada
e il vento s'è quietato
per tanti anni, che
nulla manca mai fra
le mie braccia; ma sì
vicino a un cuore
che mi impaccia,
perché batte ad un
ritmo giovinetto,
e finirà con lo
squarciarmi il petto.

Giba

12 commenti:

  1. ciao
    buona giornata. Sono passata per mandarti un saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!!!!! Quando ho visto Hai Lyn mi sono emozionata... che bello ritrovarti, Robby... verrò a farti visita. Sai, mi sono iscritta al girotondo natalizio, ci sei anche tu?
      Un abbraccio.


      Elimina
  2. Ciao Sari! La poesia di Giba è bellissima ed intensa:l'amore non muore mai e anche se il fisico invecchia il cuore è sempre giovane..e l'amore se è vero semrpe più intenso e non morirà mai..
    Hai fatto bene a rubarla e postarla qui, così l'ho letta pure io!! Non lo conosco,ma mi piace questa sua visione, ...tu riferisci!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le poesie di Giba sono linkate a fianco. Sono tutte belle e ne ho fatto manbassa.
      Ciao monellina.

      Elimina
  3. E' davvero una bellissima poesia.
    Non conosco Giba, ma se ha un blog, andrò sicuramente a curiosare.
    Ciao Sari e grazie,
    Lara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lara, Giba ha un sito di poesie, qui: http://www.ottovolante.net/poesie
      ma le tratta male... alcune le ha persino perse perchè scrive di getto e poi se ne cura poco.
      Ciao Lara, e grazie a te d'essere passata.
      Sari

      Elimina
  4. Se continui a viziarmi, Sari, finirò per abituarmi. Grazie alle tue gentili amiche. Puoi dir loro che io le scrivo senza pretese, per sfogare un impeto improvviso. Per questo poi me le scordo: non amo i "poeti diplomati", quelli dell'ironico Montale. Mio figlio le mette sul mio sito, bah. Ti abbraccio forte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Abituati. So che fai così con le tue "cosarelle" ma va bene... la cura la mettiamo noi, assieme a tuo figlio che ringrazio.
      Abbraccio ricambiato, caro poeta.

      Elimina
  5. Ciao sari.. e vista l'ora ..Buona notte...Oggi son cotterello,ho fatto anche stasera il mio turno in Caritas.
    A Giba... L'amore, quello vero, è la più grande emozione che la vita possa donare e non c'è tempo per invecchiare al suo fianco e se mi permetti, te lo dice uno che ha vissuto "la fiaba" più bella della sua con lei accanto. e visto che l'amica Sari, ha postato il link...ritagliandomi un attimo di tempo, pur io andrò, a "sbirciare" nel blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ammiro, Nilodan, fare turni alla Caritas è stancante ma tu non demordi.
      Sto imparando a conoscerti e dalle tue poesie sento che hai un grande amore da custodire. Con l'amore in cuore saremo vivi per sempre.
      Buona giornata Nilodan e a presto rileggerti.
      (Hai visto che ho messo il tuo link a fianco?)

      Elimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.
Gli utenti anonimi saranno cancellati.