giovedì 3 maggio 2012

Tema del giorno

Alla radio oggi si parlava di tagli ed ognuno, secondo il ruolo occupato, ha detto la sua.
Dove, col buon senso della massaia (noi cittadini comuni) taglierebbe, è stato detto che "non si può" per via degli accordi internazionali. I governi italiani pagano fior di multe per via degli impegni non rispettati ed allora perchè non pagarli ora che ci farebbe comodo non spendere "fuori casa" quel che è indispensabile, alla sopravvivenza, spendere "in casa"?
"Segnalateci gli sprechi via web"
E chi al web, a causa dei ritardi sulla banda larga, non ha accesso?
E poi... davvero il governo ha bisogno che siamo noi a dire dove sono gli sprechi? C'è da fidarsi di chi, al massimo vertice, non vede quel che è sotto gli occhi di tutti e non sa cosa fare?
Delazione, temo si arriverà a questo e poi, prendendo due piccioni con una fava, potrebbe essere un modo per dividere (ce ne fosse bisogno!) la popolazione. Perchè un popolo diviso... e non oso continuare perchè la sola idea mette i brividi.


.

4 commenti:

  1. Basti pensare, Sari, che invece di fermare le macchine per strada, si possono chiedere gli elenchi al Registro Automobilistico e fare dei controlli incrociati sulla dichiarazione dei redditi.
    Ma l'Italia della sceneggiata ha sempre i suoi Mario Merola pronti. Ciao

    RispondiElimina
  2. guarda che ci pensavo, senza saperlo, proprio stanotte. pensavo di denunciare al fisco il vicino di casa: appartamento, moglie (casalinga), due figli, due auto. è molto spesso a casa senza far nulla, avendo una piccola ditta individuale. penso che lavori, quando lavora, soprattutto per privati. i conti non tornano per me. ciao :) scherzo naturalmente. ma i conti non tornano

    RispondiElimina
  3. Giba, e intanto la politica discute dei suoi privilegi. So bene che non abbiamo toccato ancora il fondo... mi chiedo se sia, a questo punto, necessario. Tremo.
    Ciao Giuliano.

    RispondiElimina
  4. Siamo sulla stessa lunghezza d'onda, Antony.
    Pensavo che il tuo granitico ottimismo avesse un pensare diverso, sulla situazione del nostro paese... ma penso che l'ottimismo debba avere uno sguardo onesto, altrimenti sarebbe altro.
    Ciao!

    RispondiElimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.