sabato 24 marzo 2012

Ludopatia

Ludopatia, questo il nome della "malattia" che presto sarà presa in carico dal servizio nazionale della salute. E' come dire che ce l'han fatta, dopo anni di istigazione al gioco, a far ammalare gli italiani. Ieri, ricordate? erano i brasiliani ad essere ammalti di lotterie e telenovela... e li deridevamo.
I numeri delle persone da curare sono impressionanti, ne dava conto qualche giorno fa il corriere.it che riportava l'intervento, benedetto, del ministro Riccardi che chiedeva il blocco totale degli spot pubblicitari riguardanti i giochi d'azzardo. Lo chiedo pubblicamente anch'io e lo faccio col disegnetto che ho inserito nella barra laterale. Un piccolo contributo alla riflessione su questo grave e dannoso problema del gioco.


.

19 commenti:

  1. Non nego che ogni tanto un gratta e vinci lo compro.
    Ma a parte la pubblicità che da anni imperversa la televisione, se ben ricordi, anni fa per qualche tempo avevano fatto una trasmissione sul gioco del lotto, trasmettendola all'ora di cena. Indurre al gioco è vergognoso, così come è altrettanto vergognoso mettere le macchinette nei circoli ricreativi, facendo giocare anche i ragazzi. Non mi diranno mica, che è per passare il tempo? Vabbè il discorso è lungo ... lasciamo perdere.

    RispondiElimina
  2. I casinò c'erano e ogni tanto ci si andava. L'aberrazione è il casinò con le macchinette in ogni tabaccheria e il casinò in casa via online. Si è creato un assedio. Hanno cominciato con l'idea di ricavarci qualcosa fiscalmente, oggi chi ci ricava di più è la malavita organizzata. Condivido la tua campagna.
    ciao

    RispondiElimina
  3. Condivido anch'io considerando che quando la sciagurata pubblicità s'unisce ad una crisi come questa che stiamo vivendo, allora si configura proprio da malaffare legalizzato.Di quante cose dobbiamo ancora vergognarci noi italiani?

    RispondiElimina
  4. Una mia amica si occupa, come medico, di dipendenze da alcool e anche dal gioco. Conosco almeno un paio di donne separate dal marito perché giocava e si è perso tantissimi soldi guadagnati duramente , trascinando con se la famiglia. Alcuni mesi fa l'allora ministra Brambilla propose , per il superamento di certi problemi finanziari , l'istituzione di casino . Se non altro abbiamo cambiato questo: che ciò che con Berlusconi era una soluzione, ora è diventato un problema.

    RispondiElimina
  5. ho rivisto proprio sabato la commedia di goldoni: la bottega del caffè. anche qui uno dei protagonisti ha il vizio del gioco. adesso è diventato un fenomeno sociale, sostenuto dall'attuale contingenza economica. ma è tutta una girandola di vizi, comportamenti e passioni, ci dice goldoni. buona giornata

    RispondiElimina
  6. Ciao carissima Sari...... concordo in pieno con quello che scrivi.
    E non ci si ferma al gioco: in un bar qui vicino hanno messo delle slot machine in una sala....l'apertura della sala si è prolungata fino all'una di notte......quanto altro circolerà in quella sala? Fatto sta che dopo una cert'ora è pericoloso passare di lì, ma non c'è mai nessuno che controlla.

    RispondiElimina
  7. Ti curano la glicemia in un negozio di pasticceria. Che cuori teneri !

    RispondiElimina
  8. Buongiorno!

    Anni fa giocai 2 euro all'otto. Quella volta non vinsi nulla, ma da allora tutte le settimane vinco 2 euro: quelli che non gioco.
    Non è una gran vincita ma è sicura.

    Un saluto
    eliamino

    RispondiElimina
  9. Cara Cangala, torneremo alla cosiddetta normalità? Ora pare tutto permesso ma in realtà questi vizi rendono schiavi.
    Condivido tutto quel che dici, anche quello sui puntini...
    Ciao.

    RispondiElimina
  10. Francesco, hai ragione, questo vizio rende forte anche la malavita.
    Grazie per avermelo ricordato.
    Ciao.

    RispondiElimina
  11. Lili, ogni popolo in miseria gioca, perdendo anche quei pochi denari che gli servirebbero. Chi non gioca, come scrive più sotto Eliamino, non perde il denaro della puntata.
    Ciao.

    RispondiElimina
  12. Ciao Tiziana, grazie per la visita.
    Ciao.

    RispondiElimina
  13. Vitamina. "...ciò che con Berlusconi era una soluzione, ora è diventato un problema." Mi piace questa tua frase, è azzeccatissima.
    Ciao.

    RispondiElimina
  14. Antonypoe, l'umanità non cambia, non può forse cambiare? E' disperante il solo pensarlo.
    Ciao!

    RispondiElimina
  15. Nonnatuttua, quel che denunci succede anche in altre città. L'accettazione diffusa di questo malaffare rende difficile estirparlo ma non dispero, si dovrà porre rimedio a questo brutto andazzo.
    Ciao!

    RispondiElimina
  16. Sì, Giba, è proprio così, Paradossale ma così.
    Ciao.

    RispondiElimina
  17. Saggio Eliamino, un abbraccio a te ed alla tua cara famiglia.
    Ciao, vincitore.

    RispondiElimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.