venerdì 27 gennaio 2012

Diamoci da fare

A Bologna li chiamano "coniugi pennelli". Lui è avvocato, lei farmacista ma nel fine settimana si improvvisano impresa di pulizia per contrastare il degrado graffitaro che, in città, non rispetta niente e nessuno.
Questa coppia, crede che se ognuno si occupasse degli immediati dintorni della propria abitazione la città ne trarrebbe largo vantaggio e si sono attrezzati per passare alle vie di fatto. Hanno avuto ragione, naturalmente, e il bello è che questa loro idea sta contagiando tante persone che si uniscono al loro lavoro con entusiasmo.
I mezzi (scale, vernice pennelli, teli di copertura) sono a loro spese e, oltre allo sporco, lavano via anche la nostra rassegnazione al degrado.
Bravi i coniugi pennelli e bravi i volontari che si associano!!!!!!



.

11 commenti:

  1. Ciao Sari, che bell'esempio!
    Tutti dovremmo guardarci di più attorno per vedere cosa poter fare.
    Purtroppo, parlo per me, mi sembra di non riuscire già a gestire il mio, figurati l'esterno.
    Buon fine settimana.

    RispondiElimina
  2. Sono del parere della Loretta, apprezzo tutto quest'attivismo, ma ne sono incapace!

    RispondiElimina
  3. encomiabili. io mi associo tramite i comportamenti che tengo :)

    RispondiElimina
  4. Loretta del Cerreto, se riesci a gestire quel "tuo" di cui parli è già tanto. Ogni tanto ti leggo e credo di poter dire che hai tanti talenti, perchè vorresti anche avere quello del coniugi pennello di cui parlavo?
    Buon fine settimana (dicono che verrà la neve)

    RispondiElimina
  5. Vitamina cara, anche a te dico che hai altre virtù, che sei attenta e che, se tutti fossero come te, non ci sarebbe bisogno dell'intervento dei coniugi pennello.

    Ciao ciao.
    Sari

    RispondiElimina
  6. Perfetto, Antony... perfetto!
    Buon fine settimana.
    Sari

    RispondiElimina
  7. Se ognuno di noi spazzasse quello che ha davanti a casa sua, il mondo sarebbe più pulito.

    Un bacio.

    RispondiElimina
  8. Mi rendo conto che, pur non abitando troppo lontana da Bologna, conosco ormai pochissimo della città. Meno male ci sei tu, cara Sari!
    Davvero apprezzabile quella coppia.
    Ciao,
    Lara

    RispondiElimina
  9. Certo che è così, Cangala mia, ma vallo a far capire agli indifferenti.
    Buona domenica.

    RispondiElimina
  10. Lara cara, Bologna è soprattutto una città nascosta, c'è gran fermento ma se ne parla poco. Ma tu la conosci e sai che è sempre stata così.
    Felice giorno.
    Sari

    RispondiElimina
  11. Sarei capace d'unirmi a qualche iniziativa ma non ad esserne l'artefice.Comunque non disdegno talvolta di spazzare al di fuori del mio cancello...
    Bacioni a Sariolina nostra amica intelligente e costruttiva.Buona domenica.

    RispondiElimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.
Gli utenti anonimi saranno cancellati.