domenica 26 giugno 2011

Fatti

Ieri.
Portico di una via bolognese.
Una signora, fresca di evidente messinpiega, arranca con appese due grosse buste da cui spunta un ciuffo di sedano.
Cammina e mastica.
Dietro lei cammina veloce un'altra signora, un poco più giovane, appena uscita da un negozio che ha scrupolosamente scandagliato alla ricerca, rivelatasi inutile, di un regalo.

Un gesto veloce della mano, un piccolo tonfo e un nocciolo d'albicocca finisce in mezzo alla via.
- Signora, ma che fa?
- Ha ragione, non avrei dovuto, mi scusi tanto - dice la signora voltandosi, con un'aria mite da "arsenico e vecchi merletti" e un sorrisetto da "tanto faccio come mi pare" stampato sul visetto rugoso.

La signora senza regalo, sorpassata la lanciatrice di noccioli, viene investita dal suo diavoletto personale.
- Ma perchè non ti fai gli affari tuoi? Credi che alla prossima albicocca, grazie a te, la signora metterà il nocciolo in tasca? Ben che vada lo getterà sul marciapiede, ma non credo.
- Questi sono fatti miei - si difende lei infastidita da quel rompiscatole a cui ormai è abituata - E poi quel nocciolo poteva finire fra i raggi di una bicicletta, entrare dal finestrino di un'auto, finire nell'occhio di un passante, mettere a repentaglio la testa di un bambino.
- Di biciclette non ne sono passate e nessuno si è fatto male.
- Ma potevano...
- Se vuoi renderti ancora ridicola, vai a raccogliere il nocciolo.
- Sì, e poi corro a comperare un retino per seguire la signora sperando di catturare i suoi lanci... il ridicolo sei tu.
- Stai cercando la lite?
- No, sto chiedendomi perchè invece di un diavoletto par tuo, non corra a soccorrermi un angioletto.
- E che te ne faresti?
- Uhm...
- Allora?
- Non seccarmi che ho altro a cui pensare.
- Ad esempio?
- ...
- Allora?
- Debbo pensare a quel regalo... (ma chi diavolo li ha inventati, i regali?)



.

2 commenti:

  1. Ciao Sari, arrivo qui dal blog di Lara.
    La tua riflessione sintetizza davvero bene quel certo clima di indifferenza e maleducazione che da qualche tempo sta avvelenando il Paese e che trova la sua più "alta" espresione in certi personaggi della nostra politica.
    Sicuramente la persona di cui parli pensava che tu, col tuo senso civico fossi una marziana; che invece lei fosse molto più semplicemente una maleducata, nisba.
    Questi apparentemente piccoli fatti sono sintomatici... ma non dobbiamo farci scoraggiare (anche se spesso il disgusto ed il senso di impotenza sono fortissimi) e mancare di intervenire.
    Ciao!

    RispondiElimina
  2. Contenta di conoscerti, Riccardo. Benvenuto.
    (Quante belle persone arrivano da Lara)
    Ti sto conoscendo attraverso il tuo blog e vi tornerò perchè mi piace quel che scrivi.
    Ciao scrittore!!!
    Sari

    RispondiElimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.