mercoledì 21 ottobre 2015

Stupido chi?











Luciano Gallino è un sociologo, scrittore e  docente universitario stimato. Da tempo fotografa la realtà italiana con articoli che mi colpiscono per chiarezza,  onestà, e dovrebbero aiutarci a crescere come cittadini.

Nell'articolo che propongo, scrivendo  una ideale lettera ai nipoti  parla in realtà  a noi.. ci dice chi siamo, in che acque ci dibattiamo e come siamo fatti .
Leggetelo QUI

.

10 commenti:

  1. grazie per la condivisione di questo articolo.
    inutile dirti che fa venire i brividi per la sincerità e che rappresenta quello che ognuno di noi, sicuramente (..parlo di me) con pensieri meno articolati, pensa e si trova a vivere.
    un grande abbraccio, è sempre meraviglioso trovare qua, da te, scritti e proposte così stimolanti.
    Emanuela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, parla pure anche per me perchè è difficile formarsi un'idea precisa sulle cose e quando la si ha (o si crede di averla) è complicato esserle fedeli.... insomma, Gallino ha messo il dito nella piaga.
      Grazie per la tua presenza sempre attenta e generosa.
      Un abbraccio a te, buona serata.

      Elimina
  2. Molto molto interessante l'articolo che ci hai proposto di leggere. Duro, spietato e veritiero. Coraggioso nella sua denuncia della stupidità di politici, ma non solo, di molti di noi. E chissà quante volte, per pigrizia, per voglia di addormentare la mente affinché non ci ponesse più dubbi, ci siamo lasciati andare nel mare della condiscendenza, della non critica, della stupidità appunto.
    Mi piace il tono e la serietà con cui scrivi i tuoi post, senza violente posizioni di parte che sempre mi infastidiscono. E i temi che tratti sono scelti e affrontati con profondità di pensiero.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  3. Leggere Gallino mi ha dato da pensare soprattutto questo passaggio:
    "La facoltà di eleggere i propri rappresentanti in Parlamento - la formazione di sindacati liberi - la graduale estensione del voto sino a includere tutti i cittadini - la tassazione progressiva - l’ingresso del diritto nei luoghi di lavoro - l’istruzione libera e gratuita per tutti sino all’università - la realizzazione dello stato sociale"
    Noi non abbiamo niente di tutto questo!!! e ora avremo tanto da lavorare per riconquistare il perduto.
    Grazie per quel che scrivi, mi fa piacere perchè ti stimo.
    Un abbraccio, ciao.

    RispondiElimina
  4. Sempre attenta ed informata. Oltre al bene che ti voglio, ti stimo tantissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amica mia, ti abbraccio... sai che ricambio.
      Felice giornata.

      Elimina
  5. non ho letto l'articolo.
    la penso anch'io come Russell. però faccio presente o sottolineo questa differenza: gli intelligenti, quelli veri, non coltivano il dubbio sistematico ma quello metodico. e questo non costituisce affatto un problema. ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non conosco appieno le caratteristiche delle categorie che citi ma so che il sentirsi sicuri di tutto non è segno di fiducia ma di grande e dannosa pigrizia.
      Ciao.

      Elimina
  6. Ho letto.Non so commentare.I sociologi mi causano cattivo umore..(.e dire che mia figlia è sociologa! Ahahah!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero che la tua figliola non sappia di questa tua "allergia" per i sociologi. Lei, comunque, sarebbe l'eccezione che conferma la regola.
      Ciao.

      Elimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.