martedì 28 aprile 2015

Preghiera



Ricorda e dimentica


Ricordati, Signore,
delle mie impronte.
Tieni a memoria 
ognuno dei miei passi,
tutte le T-shirt che ho indossato,
i miei bizzarri tagli di capelli,
le prepotenze che ho subito
e i pianti nel cortile della scuola.
Ricordati degli esperimenti di bene
miseramente falliti in equivoci
e in contriti "mi dispiace davvero".
Tieni a memoria, Signore,
tutta la speranza che ho tentato
di far attecchire in terreni pietrosi;
tutta la fede
che ho cercato di accendere
sotto la pioggia delle disillusioni
e tutta la carità che mi è rimasta
appiccicata addosso.
Ricordati, Signore,
di tutte quelle volte un cui ce l'ho messa tutta,
e mi sono scorticato la pelle
spostando a mani nude
i ruvidi mattoni del tuo Regno.
Dimentica tutto il resto, mio Dio.
Nel vento impetuoso della tua misericordia
disperdi le crisi di gelosia,
le ingratitudini, le ridicole pretese;
e poi ancora quell'affetto stropicciato
per troppo orgoglio,
e quelle occhiate indifferenti
sbattute sulla faccia dei poveri.
Tieni a memoria e disperdi.
Come sai fare tu.


 da  "Hai un momento Dio?"
di  Patrizio Righero 





11 commenti:

  1. bella. però io preferisco ricordare in prima persona. tutto e non dimenticare niente.
    buon giorno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se capisco bene, allora... saresti Dio?
      Buon giorno a te, Ant ;)

      Elimina
    2. :) semplicemente non demandare, deviare o rinviare. mi pare più semplice. forse anche più corretto. buon giorno

      Elimina
    3. Ant, in modo semplice, sei complicato. :)))
      Buona serata

      Elimina
    4. sì, sono semplicemente complicato. buon giorno

      Elimina
  2. Bellissima e struggente come ogni preghiera veramente sentita che sgorghi dal cuore.In effetti dovremmo rivedere la nostra vita e offrire come fiori al Signore, tutte le cose buone compiute, quelle fatte d'impulso, con sacrificio e per amore verso il bisogno di chi, forse anche in silenzio, ci ha chiesto aiuto.E nel contempo dovremmo chiederGLI di dimenticare il male (speriamo piccolo) che ci portiamo dentro e che non abbiamo saputo controllare. Ma io penso che proprio a tale scopo, il Signore ci farà giudici di noi stessi e saremo noi a non perdonarci se il male compiuto sarà stato grande,.Quella sarà la pena : il tormento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No no, dovremo perdonarci anche da noi stessi perchè il rimorso toglie la forza necessaria a rimediare il malfatto... e solo il perdono lo consente.
      Prego Dio di perdonare quel che di me non va, ma io debbo invece ricordarlo per non ricadere nell'errore. Ricordare senza tormento... lo auguro anche a te.
      Ciao Lili, buona serata.

      Elimina
  3. RINA credo che sia tu che io, non avremo gran che da perdonarci.Buona festa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti eleggerò a mio difensore, fra cent'anni... eheheh---
      Ciao

      Elimina
  4. Struggente! Lui tutto ricorderà!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto, sì, ricorderà tutto ma credere che possa dimenticare consola.
      Ciao Costantino.

      Elimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.