martedì 13 gennaio 2015

Cos'è satira

A ridosso degli eventi parigini, scioccanti e destabilizzanti, non ho scritto nulla  perchè mi sentivo disorientata, non sapevo come dire che condannavo tout court  gli atti terroristici ma che non mi sentivo di identificarmi con la rivista di satira che è stata orribilmente colpita.  Penso male della censura, che non sia  giusto bloccare, imporre la chiusura  e tanto meno uccidere chi c'infastidisce con quel che fa ma...  satira non è sinonimo di totale  libertà, di impunibilità e credo  occorra denunciare quel che passa i limiti che la legge impone.

Tutto questo lo spiega molto meglio di me questo articolo, che ho appena letto,  ... e si può leggere QUI


.

2 commenti:

  1. Intendevo fare un post su quest'argomento ma poi ho cambiato idea. In sostanza volevo dire che, senza nulla togliere alla libertà di stampa che è sacrosanta, c'è però una satira che, come nel caso in questione, suona come una bestemmia ed è altrettanto fastidiosa. Il sentimento religioso è molto profondo, intimo e radicato, non dovrebbe mai essere offeso. Ci sono limiti di eleganza che non dovrebbero mai essere superati. So che vado un po' controcorrente dicendo questo, ma è quello che sento.
    Un abbraccio
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, in fondo è quel che intendevo dire e che sostiene anche l'articolo citato. A ben vedere, è difficile fare satira senza eccedere nella volgarità gratuita o nel vilipendio.
      Ciao Francesca, un abbraccio.

      Elimina

Grazie per avere trascorso un poco di tempo in questo nostro spazio.